Europei, la UEFA pensa al rinvio: l'ipotesi piace anche alla Lazio, ecco perché

L'UEFA ora valuta davvero il rinvio al 2021 dell'Europeo, così i campionati potrebbero concludersi in estate e in modo regolare. Cosa che piace a Lotito...
13.03.2020 07:30 di Marco Valerio Bava Twitter:    Vedi letture
Fonte: MarcoValerio Bava-Lalaziosiamonoi.it
© foto di Antonello Sammarco/Image Sport
Europei, la UEFA pensa al rinvio: l'ipotesi piace anche alla Lazio, ecco perché

Ci si fermerà anche in Europa: stop a Champions ed Europa League. La decisione verrà ratificata martedì nel meeting convocato dall’UEFA e la sospensione dovrebbe durare 2-3 settimane. Ma la situazione è fluida e soggetta all’evoluzione dell’emergenza coronavirus. In questo momento appare complicato che il fermo alle coppe possa essere così breve.  L’organismo europeo è spalle al muro e non ha alternative. Ceferin ha preso atto della situazione e ormai è sotto pressione, le federazioni di tutto il continente chiedono il rinvio dell’Europeo per far sì che i campionati possano riprendere in primavera inoltrata e concludersi in estate. La Liga si è fermata, le altre leghe europee che hanno bloccato le partite sono state quella olandese, portoghese, greca, austriaca, svizzera, bosniaca, irlandese, romena, slovacca e ceca. Ma a breve è possibile che decidano per lo stop anche Ligue 1 e Bundesliga. Gravina ha già avuto contatti ripetuti con l’Uefa, ha spiegato che questa è la soluzione prediletta dal calcio italiano. Lazio compresa. 

VERSO IL RINVIO DELL'EUROPEO - Lotito ha partecipato qualche giorno fa al consiglio federale straordinario, ha ascoltato tutte le proposte sul tavolo, compresa quella che prevede playoff e playout, ma rimane convinto che terminare il campionato in modo regolare sia la soluzione più giusta. Lotito, anche in Federazione, ha spinto affinché Gravina facesse pressioni sull’Uefa per posticipare Euro 2020 e poi riprendere la Serie A quando le condizioni sanitarie del Paese lo permetteranno. La Lazio vorrebbe giocare le giornate che restano e provare e concludere una stagione che, fino allo stop, era stata straordinaria. Il patron non vuole nemmeno prendere in considerazione l’idea che il torneo possa non concludersi e lo Scudetto non essere assegnato. È uno scenario che non piace a nessuno in Lega e nemmeno in FIGC. L’Europeo può essere spostato, questa è la convinzione del calcio italiano e lo ha ha fatto presente all’UEFA che, però, aveva risposto che tra Nations League, Mondiale per club, qualificazione ai Mondiali in Qatar, l’estate prossima era già abbastanza intasata. Ora, però, l’UEFA ha preso atto che andare avanti così è impossibile e che i campionati devono chiudersi in qualche modo. Uno spiraglio di luce sul prosieguo del campionato italiano e su quello della Lazio. Lotito ci crede, è convinto che in settimana arriverà l’ufficialità della decisione. 

PLAYOFF MALE MINORE - L’idea dei playoff non lo convince appieno e c’è un motivo: si chiedeva, il presidente, come sarebbe stato possibile far valere lo scarto che c’è attualmente in classifica tra Lazio e Atalanta è di 14 punti (anche se i nerazzurri hanno una partita in meno). Perché due squadre con un divario così ampio in classifica dovrebbero partire da una posizione simile e contendersi lo Scudetto? Se ne sarebbe continuato a discutere, per Lotito quello dei playoff sarebbe stato il male minore, ma comunque un male. L’intento è quello di giocare il campionato nel suo formato classico e concludere entro il 30 giugno, giocando ovviamente in serale le partite nel periodo estivo. Ma soprattutto entro il 30 giugno per far sì che si rispettino i termini contrattuali, anche se è allo studio una proroga per rendere validi i contratti in scadenza fino alla fine del campionato se questa dovesse sforare a luglio. La Serie A ripartirà, ne sono convinti tutti i club, quando ancora è da vedere, difficile già il 3 aprile. Ma se l’Europeo slittasse al 2021, allora si potrebbe aspettare anche la fine di aprile o l’inizio di maggio e poi ricominciare. Lasciandosi alle spalle questo terribile momento. 

Pubblicato il 12/03 alle ore 21:50

© RIPRODUZIONE RISERVATA - La riproduzione, anche parziale, dell’articolo è vietata. I trasgressori saranno perseguibili a norma di legge.