Lazio - Empoli, Felipe Anderson: "Zaccagni non si è buttato. Siamo stati squadra"

L'attaccante biancoceleste ha commentato al canale tematico ufficiale la prestazione fatta questo pomeriggio all'Olimpico contro l'Empoli
07.01.2022 07:23 di Tommaso Marsili Twitter:    vedi letture
Fonte: Lazio Style Radio
Lazio - Empoli, Felipe Anderson: "Zaccagni non si è buttato. Siamo stati squadra"

La Lazio nel giorno della Befana è stregata. La prima partita del 2022 finisce in parità, ma sarebbe potuta finire in moltissimi altri modi. I biancocelesti con l'Empoli prendono un solo punto che a poco serve per la rincorsa al quarto posto. Al termine della partita Felipe Anderson ha parlato ai microfoni di Lazio Style Channel per commentare la prestazione: "La gamba è ok, è stato solo un taglio, all'inizio pensavo fosse profondo, però sto bene. Oggi ci dispiace tanto perché siamo entrati e abbiamo subito i due gol. Avevamo preparato la partita in un altro modo, siamo stati costretti a rincorrere e non c'è stata calma per poter decidere. Questo ci ha fatto male. E' stato bello invece perché non abbiamo mai mollato, abbiamo lottato e abbiamo conquistato questo punto da squadra. Abbiamo superato le varie difficoltà della gara insieme e questo è positivo. Tante occasioni sprecate? Nell'occasione della traversa ho cercato di tirare di prima, ma essendoci subito il difensore ho provato ad aggiustarla. Sarebbe stato un gol importante, ma guardiamo avanti". 

MENTALITA' - "Dobbiamo pensare sempre da squadra, dobbiamo crescere, dare il nostro meglio e essere consapevoli delle nostre qualità. Ogni partita in Serie A può essere difficile senza la mentalità giusta. Domenica andremo a San Siro per giocarcela nonostante il loro grande stato di forma". 

FALLO SU ZACCAGNI - "Non ho rivisto l'azione. Ho fatto il passaggio a Zaccagni, poteva prendere la palla, non era una palla persa. Non penso si sarebbe buttato se non fosse stato toccato. E' una decisione difficile. Abbiamo avuto tanti episodi in questa partita, li analizzeremo".

IL BEL GIOCO - "Piano piano, con il lavoro quotidiano cresceremo. Dobbiamo fare punti perché vogliamo la parte alta della classifica e perdere questi punti in casa ci fa male. Il gioco arriverà, stiamo creando tanto, abbiamo qualità per poter giocare questo tipo di calcio. Servono i punti". 

Pubblicato 06/01