Lazio, Immobile: "La Scarpa d'Oro mi stimola ancora di più, ora testa a campionato ed Europeo"

Ciro Immobile commenta la consegna della Scarpa d'Oro avvenuta ieri in Campidoglio guardando anche al futuro tra campionato e Nazionale.
11.03.2021 07:45 di Leonardo Giovanetti Twitter:    Vedi letture
Lazio, Immobile: "La Scarpa d'Oro mi stimola ancora di più, ora testa a campionato ed Europeo"

Ieri, con la consegna della Scarpa d'Oro, è stato il giorno di Ciro Immobile. Il bomber della Lazio ha ricevuto il premio in Campidoglio con una premiazione in grande stile presenziata dalla Sindaca Virginia Raggi e dal presidente Claudio Lotito. L'attaccante biancoceleste è intervenuto ai microfoni di RTL 102.5 per parlare dell'evento e non solo.

SCARPA D'ORO - "Ho ringraziato moltissimo la Sindaca Virginia Raggi per questa opportunità. Solo ricevere il premio in una location come il Campidoglio poteva sostituire riceverlo davanti ai tifosi come si è sempre fatto. Momento più alto della mia carriera? Assolutamente sì, questo premio mi dà voglia di fare qualcosa in piu e guardare con fiducia al futuro. Gol più importanti? Ce ne sono un paio. Quello con l'inter perché venivamo da 10 vittorie di fila e dovevamo andare primi in classifica e poi quello a Napoli con cui ho raggiunto Higauin a 36 gol".

FINALE DI STAGIONE - "Stiamo avendo un momento di flessione che ci sta ma siamo pronti per il finale di campionato e soprattutto per l'Europeo. Ci teniamo e ci siamo presentati al meglio riportando i tifosi a seguire con entusiasmo la Nazionale e ci teniamo a fare un grande Europeo".

SANREMO - "L'ho seguito tanto. Mi è piaciuta molto la canzone di Orietta Berti, sono un po' all'antica. Mi sono piaciute anche la canzone di Ermal Meta e quella di Fedez e la Michielin. I Maneskin sono bravi ma quel genere non mi piace, gli faccio comunque i complimenti a loro che sono stati bravi a vincere".