Lazio Women, Gambarotta: "C'è rammarico, ma i risultati arriveranno. Morace? Un onore"

01.03.2021 20:00 di Elena Bravetti Twitter:    Vedi letture
Fonte: Lalaziosiamonoi.it
© foto di Massimiliano Vitez/Image Sport
Lazio Women, Gambarotta: "C'è rammarico, ma i risultati arriveranno. Morace? Un onore"

All'indomani del pareggio contro la Riozzese, Margot Gambarotta, difensore della Lazio Women, è intervenuta ai microfoni della radio ufficiale biancoceleste: "Il pari di ieri ci può stare. Diverso rispetto a quello contro il Tavagnacco e il Cittadella ad esempio, che potevano sicuramente essere evitati. Abbiamo affrontato una squadra quadrata, che ha delle individualità importanti, che esprime un buon gioco. Ci ha dato del filo da torcere sia all'andata che al ritorno. Abbiamo avuto un'occasione nitida con Martin, non c'è stato dato un rigore su Di Giammarino. C'è un po' di rammarico, si poteva portare a casa qualche punto in più. Continuiamo a lavorare in settimana, e i risultati arriveranno. Abbiamo cambiato mentalità, esprimiamo un gioco migliore rispetto a prima, io ho piena fiducia nella squadra e nello staff". 

CAMBIO DI RUOLO - "Lipmann ha subito un infortunio, ha una lesione al tendine d'Achille. Ho dovuto giocare centrale di difesa perché siamo in emergenza. Credo che ne giocherò altre, anche se spero di no. Emma (Lipmann, ndr) è ragazza d'oro, che aiuta molto le compagne in campo, e vogliamo torni il prima possibile. Il mio spostamento non è stata una scelta obbligata, il coach ha scelto me dandomi fiducia. Sono solo che contenta, ogni allenamento ci insegna qualcosa di nuovo. È inevitabile, lei è inarrivabile". 

TECNICO MORACE - "Sembra una frase fatta ma è un vero onore, è una leggenda del calcio femminile italiano. Ero un po' preoccupata, un po' di ansia, e invece è la persona più alla mano e disponibile che come allenatore io abbia mai incontrato. Mi ha stupito molto dal punto di vista umano. E non solo lei, ma anche la vice. Un connubio che ci ha portato tanta fiducia, tanta esperienza, tanta autostima in noi stesse. Noi dobbiamo essere delle spugne, e imparare il più possibile finché avremo l'onore di essere allenate da questo staff. Siamo molto fortunate, non c'è altro da dire".

Cagliari, Cossu dimesso dall'ospedale: ma dovrà rimanere a riposo per 45 giorni

Torino, prosegue il lavoro individuale: nuovi tamponi per l'intero gruppo squadra

TORNA ALLA HOMEPAGE