Spadafora: "Stop allenamenti? Un sacrificio per gli atleti, ma serve per tutelare tutti"

03.04.2020 07:10 di Leonardo Giovannetti Twitter:    Vedi letture
© foto di Samantha Zucchi/Insidefoto/Image
Spadafora: "Stop allenamenti? Un sacrificio per gli atleti, ma serve per tutelare tutti"

L'ufficialità è arrivata: niente allenamenti fino al 13 aprile. Sul proprio profilo Facebook, il ministro dello sport Spadafora ha commentato: "Anche nel mondo dello sport bisogna continuare a osservare regole rigide. Ecco perché saranno vietate tutte le competizioni sportive di ogni ordine e grado, ma dobbiamo chiedere un ulteriore sacrificio e dunque abbiamo vietato ogni tipo di allenamento in ogni tipo di struttura. So che è un sacrificio per tutti i nostri atleti professionisti e non solo, ma serve per tutelare loro stessi e tutti quanti noi. Sono ore molto complicate e difficili. Stiamo vivendo anche piccoli segnali di miglioramento, ma non dobbiamo pensare adesso di riprendere subito le nostre abitudini, perché siamo in un momento nel quale bisogna osservare tutti al massimo le regole, stare assolutamente a casa e dare il tempo a chi sta lavorando con sacrificio di poter migliorare la situazione. Abbiamo davanti dieci giorni complicati e importanti in cui possiamo fare la differenza e poi cominciare a vedere dopo Pasqua segnali più netti e forti di cambiamento".

Lazio, check-up dall'infermeria: contrattura Vavro, fastidi per Leiva

Calciomercato Lazio, idea Romagnoli del Milan: contatto con l'agente

TORNA ALLA HOMEPAGE

Pubblicato ieri alle 14:30