ESCLUSIVA - Birindelli: “Lazio, contro la Juventus serve sana incoscienza!"

25.01.2019 08:00 di Claudio Cianci   Vedi letture
Fonte: Claudio Cianci - Lalaziosiamonoi.it
ESCLUSIVA - Birindelli: “Lazio, contro la Juventus serve sana incoscienza!"

La Lazio affronterà la Juventus in campionato. Una partita difficilissima vista la qualità dell’avversario e le assenze pesanti nel reparto arretrato dei biancocelesti. Per fare una panoramica su questo match la redazione de Lalaziosiamonoi.it ha contattato in esclusiva l’ex bianconero Alessandro Birindelli: “Contro la Juventus per la Lazio non sarà facile, però forse un po’ di incoscienza e di entusiasmo ti possono portare a fare delle prestazioni importanti. La motivazione non manca quando affronti squadre importanti come la Juventus. Si vuole fare bene e ci si mette quel qualcosa in più, magari anche a livello inconscio. Mi aspetto una Lazio arrembante nel provare a fare la partita, ma allo stesso tempo corta e applicata come lo è sempre stata in questo periodo”.

MOTIVAZIONI - “Fa bene Allegri a motivare la squadra e a tenerla sotto pressione. Basta un attimo per perdere il filo conduttore, è vero che sono un organico importante ed hanno due squadre e mezzo di altissimo livello. Hanno alternative più che valide in tutti reparti ma, parliamoci chiaro, questo campionato lo può perdere solo la Juventus. Solo loro possono complicare la loro strada, non vedo nelle altre squadre, tolto il Napoli, che negli ultimi anni sta facendo cose incredibili, la forza dei bianconeri. Le potenzialità dei torinesi sono infinite”.

“LAZIO, SERVE SFRONTATEZZA” - “Per battere una squadra così devi essere un po’ sfrontato, non bisogna avere paura. La Lazio dovrà essere molto corta e aggressiva, visto che ogni tanto la Juventus, che cerca spesso il palleggio, qualcosa sbaglia. Tutto quello che ti viene lasciato devi essere bravo a concretizzarlo. Come, di fatto, fanno i bianconeri. La Juventus è una squadra molto umile: quando perde la palla tutti si abbassano e sono tutti corti sulla linea della metà campo per stringere le maglie fra i reparti. Non aspettano altro che l’avversario commetta un errore per sfruttare quello che gli viene lasciato. Questo è quello che dovrebbe fare una squadra che affronta la Juventus, ovviamente però non è facile. Un tattica attendista sarebbe deleteria, visto che hanno elementi forti nei calci piazzati, ha gente che batte bene le punizioni. Ha gamba, qualità e nell’uno contro uno sono bravi. Affrontarla con sfrontatezza sarebbe la cosa migliore, ma ovviamente con grande attenzione”.

MILINKOVIC&IMMOBILE - “Sono calciatori che nella Juventus potrebbero avere spazio, sono due grandi calciatori che fanno la differenza. I bianconeri cercano questo tipo di giocatori, elementi che abbiano nelle proprie caratteristiche quel qualcosa in più. Negli ultimi due anni nella Lazio Immobile e Milinkovic hanno fatto grandi cose. Il serbo, forse per colpa del Mondiale, è arrivato scarico mentalmente a inizio stagione. Nelle ultime uscite però l’ho visto ritornare ai suoi livelli. Lui potrebbe essere un elemento da Juventus o da grandissima squadra”.

CORREA - Secondo me i calciatori che ti fanno la differenza ed hanno qualità dovrebbero essere sempre in campo. Poi c’è da vedere l’equilibrio della squadra, io non la tengo sott’occhio tutti i giorni. Inzaghi credo che di questo ne tenga conto. Magari il tecnico con Correa in campo insieme a Immobile e Luis Alberto ritiene di perdere quell’equilibrio che lui crede sia fondamentale per raggiungere il risultato”.

PARTITA - La Lazio ha delle difficoltà a livello numerico in difesa, bisogna ammetterlo. A prescindere da questo le partite vanno sempre giocate, basterebbe un episodio per cambiare quella che è la storia di una partita. A volte basta quella scintilla che accende il trasporto del pubblico, la squadra prende coraggio. Quelle cose che il giorno prima non ti riuscivano, di punta in bianco ti vengono facilmente. Ovviamente sulla carta c’è una grande differenza: ma in campo si gioca 11 contro 11 e può accadere di tutto”.

© RIPRODUZIONE RISERVATA - La riproduzione, anche parziale, dell’articolo è vietata. I trasgressori saranno perseguibili a norma di legge