Covid / Il nuovo Dpcm firmato da Conte: ecco le restrizioni in vigore fino al 24 novembre

in mattinata è arrivata la firma del Presidente del Consiglio sul nuovo Dpcm riguardante le nuove limitazioni per contrastare il Coronavirus in Italia
25.10.2020 11:00 di Lalaziosiamonoi Redazione   Vedi letture
Fonte: Tommaso Marsili
© foto di Samantha Zucchi/Insidefoto/Image
Covid / Il nuovo Dpcm firmato da Conte: ecco le restrizioni in vigore fino al 24 novembre

Come si sospettava nelle ultime ore, Giuseppe Conte ha firmato in mattinata il nuovo Dpcm con ulteriori restrizioni per cercare di superare questa seconda ondata di contagi da Coronavirus. Da lunedì fino al 24 novembre. Nel pomeriggio il Premier parlerà in conferenza stampa per spiegare meglio la situazione. 

SCUOLA - Per quanto riguarda le lezioni scolastiche, la scuola dell'infanzia, le elementari e le medie potranno continuare in presenza, mentre i licei seguiranno a distanza con l'incremento della didattica digitale fino al 75%. Gli ingressi e le uscite saranno scaglionate, con eventuali turni pomeridiani. Non ci saranno lezioni prima delle 9.

MEZZI PUBBLICI - Il Governo raccomanda fortemente di non spostarsi utilizzando mezzi pubblici e privati, se non per motivi lavorativi, di studio, esigenze lavorative, motivi di salute o per svolgere attività. Rimane possibile spostarsi tra le Regioni.

PISCINE E PALESTRE - Chiudono tutte le piscine, le palestre, i centri benessere, i centri natatori e quelli termali, eccezion fatta per quelli con il presidio sanitario obbligatorio o che effettuino prestazioni assistenziali. Chiusi anche i centri sociali, culturali e ricreativi. L'attività sportiva all'aperto presso centri e circoli sportivi, privati o pubblici che siano, rimane possibile sempre rispettando le norme di distanziamento sociale. 

CINEMA E TEATRI - Non vengono risparmiati nemmeno i cinema, i teatri e le sale giochi, sale bingo e casinò: attività sospese insieme agli spettacoli aperti al pubblico in sale teatrali, da concerto e nei cinema (anche all'aperto). 

NEGOZI - Rimangono aperte tutte le attività commerciali al dettaglio, a condizione che vengano assicurate distanze e ingressi dilazionati. Non sarà possibile sostare nei locali più del tempo necessario all'acquisto.

RISTORANTI E BAR - La situazione per bar e ristoranti è la seguente: sarà possibile operare dalle 5 del mattino fino alle 18, il servizio al tavolo è previsto per un massimo di quattro persone, salvo che siano tutti conviventi. Non si potrà consumare cibo e bevande nei luoghi aperti al pubblico dopo le 18. Consentita la ristorazione senza limitazioni di orario in alberghi e strutture simili (che ospitano persone, ndr). I servizi di delivery sono regolarmente consentiti e l'asporto è consentito fino alle ore 24.