Lazio - Bologna, Mihajlovic: "Sono dispiaciuto. Loro hanno fatto un tiro e mezzo in porta"

Il mister rossoblù ha commentato ai microfoni di DAZN la vittoria conquistata in casa contro il Bologna grazie ai gol di Luis Alberto e Immobile
25.10.2020 06:57 di Lalaziosiamonoi Redazione   Vedi letture
Fonte: Tommaso Marsili
© foto di Image Sport
Lazio - Bologna, Mihajlovic: "Sono dispiaciuto. Loro hanno fatto un tiro e mezzo in porta"

Luis Alberto e Immobile portano la Lazio alla vittoria, seppur il Bologna sia riuscito a impensierire i biancocelesti. Sinisa Mihajlovic si è presentato davanti le telecamere di DAZN per commentare la partita: "Sono tre partite che parliamo sempre delle stesse cose: giochiamo bene, meglio dell'avversario, meritiamo di più, ma non portiamo a casa i punti. Mi dispiace soprattutto per i ragazzi perché fanno tutto giusto, poi al primo errore che facciamo ci puniscono. Siamo anche un po' sfortunati, ma la fortuna bisogna meritarsela. Abbiamo giocato bene tenendo quasi sempre la palla, loro hanno fatto un tiro e mezzo e hanno fatto due gol. Noi abbiamo avuto le nostre occasioni. Bisogna tenere duro, sappiamo che la strada è lunga e difficile, piena di curve, ma dobbiamo continuare a lavorare e tirare fuori gli attributi perché sappiamo che bisogna lavorare per vincere. L'unica nostra certezza è che giochiamo bene, per vincere serve di più". 

MENTALITA' - "Abbiamo la nostra mentalità sia quando vinciamo che quando perdiamo e continuiamo per la nostra strada. Dal punto di vista delle prestazioni niente da dire, ci sono sempre state in queste cinque partite. Sicuramente potevamo far meglio in qualche situazione, però la mentalità è questa e non significa che non sappiamo difenderci. Anche oggi non abbiamo subito molto, eppure siamo stati propositivi e offensivi. Sappiamo che in fase difensiva dobbiamo soffire di più, oggi lo hanno fatto ma purtroppo al primo errore che abbiamo fatto ci hanno fatto gol. Questo succede quando giochi contro le grandi squadre".

FEELING CON LA PORTA - "Noi sappiamo che il gol o ce l'hai nel sangue o non lo hai. Contro il Benevento abbiamo fatto zero gol con occasioni nitide dove era più facile segnare che sbagliare. I risultati arriveranno, bisogna essere calmi e saldi, sapendo che ci sono cose che vanno migliorate".

GIOVANI - "Con i giovani bisogna avere pazienzadargli fiducia e aspettare che crescano attraverso . Ci è mancata cattiveria a difendere la porta. I gol sono arrivati in superiorità numerica per errori individuali. La nostra disposizione in campo dipende dalla gara: ricordiamoci che avevamo quattro assenze oggi. Fino all'ultimo abbiamo cercato di pareggiare facendo il nostro gioco e non facendoci condizionare dal risultato". 

Il tecnico dei felsinei è intervenuto anche in conferenza stampa: "E’ la terza partita consecutiva in cui diciamo sempre le stesse cose, facciamo meglio dei nostri avversari e perdiamo, mi dispiace per i ragazzi perché danno il massimo. Ci manca qualcosa, non sfruttiamo le occasioni ma la strada è quella giusta. Dobbiamo continuare a giocare così. Non dobbiamo perdere fiducia e mantenere sempre la convinzione di quello che stiamo facendo, se continuiamo così arriveranno i risultati. Si sapeva che la Lazio era più forte di noi, noi abbiamo fatto 18 tiri in porta e un gol, loro tre tiri in porta e due gol, è così nel calcio. Abbiamo perso nonostante abbiamo fatto meglio degli avversari. Ne usciremo fuori solo cercando di giocare bene, sono convinto che arriveranno i risultati".

Sinisa Mihajlovic ha poi parlato ai microfoni di Sky: "Mi dà fastidio il risultato, nelle ultime tre partite abbiamo fatto meglio dell’avversario collezionando  0 punti. Abbiamo fatto bene anche oggi, però non bisogna perdere fiducia. Al primo errore siamo puniti, la Lazio ha fatto due tiri in porta e segnato due gol, siamo stati sfortunati. Dobbiamo essere più attenti e concentrati, ma non posso accusare nessuno oggi. Ci sono stati errori individuali, dobbiamo limitarli. La Lazio dopo il gol non ha fatto nulla, negli ultimi 10 minuti siamo stati sempre nella loro metà campo. Loro sulla carta sono più forti di noi, non è un segreto. Però abbiamo avuto diverse occasioni, abbiamo tirato 18 volte in porta contro una squadra così forte. Ripeto, loro hanno calciato due o tre volte e hanno segnato due reti. Meritavamo di fare più gol, c’è comunque da dire che non abbiamo un giocatore che ci garantisca la doppia cifra. Questo significa che nonostante si creino diverse occasioni, poi devi avere nel sangue la lucidità per buttarla dentro".