LE PAGELLE - Lazio, Luis e Milinkovic ispirati. E il gol cerca Immobile...

Pubblicato ieri alle 17
13.01.2019 06:35 di Carlo Roscito Twitter:   articolo letto 14963 volte
Fonte: Lalaziosiamonoi.it
© foto di www.imagephotoagency.it
LE PAGELLE - Lazio, Luis e Milinkovic ispirati. E il gol cerca Immobile...

STRAKOSHA 6.5: Un intervento d’istinto perfetto, provvidenziale e - può sembrare paradossale - salva-risultato: si era ancora sullo 0-0. Eusepi è bravo dal dischetto: l’attaccante aspetta fino all’ultimo e poi la mette all’angolino. 

BASTOS 6.5: Tiene in gioco Schiavi e rischia l’autogol sul rimpallo con Strakosha. Inizio titubante. Poi cresce e sfiora addirittura il gol: il suo tiro mancino viene respinto da Benedettini coi piedi. 

LUIZ FELIPE 6: Normale amministrazione. Sfortunato protagonista del rigore per il Novara: non fa in tempo a togliere il braccio sul tocco di Eusepi. 

ACERBI 6.5: E siamo a 148 partite, di fila e senza saltare nemmeno un minuto. Un mostro di continuità, non è una novità. Si muove sul centrosinistra, nella posizione sperimentata già in Europa League contro Apollon Limassol ed Eintracht Francoforte. Novanta minuti in scioltezza. 

MARUSIC 6: Accompagna l’azione sulla destra, lo fa con costanza ma in realtà senza mai sfondare con pericolosità. Viene colpito duro da Bove e per questo viene sostituito. 

Dal 77’ PEDRO NETO 6.5: Prende palla e punta subito l’uomo, il suo cross non diventa un assist vincente solo per l’imprecisione di Caicedo da pochi passi. 

MILINKOVIC 7: Gioca con nonchalance, gli basta e avanza per dominare in mezzo al campo e sulla trequarti, dove avanza spensierato per trovare la gioia personale. Che arriva su una punizione perfetta dai 20 metri. Ora gli riescono le giocate perché ci sta con la testa. 

LEIVA 6.5: Preferito a Badelj in Coppa Italia, si sgranchisce le gambe in vista della trasferta di Napoli. Chiude le linee di passaggio e verticalizza in continuazione sui piedi dei compagni. 

LUIS ALBERTO 7: Ha fatto la mezzala contro Cagliari, Bologna e Torino, ripetersi con il Novara è una passeggiata di salute. Cross, lancia, segna. Si diverte. Salta in dribbling Cinaglia e sblocca col sinistro. Ispirato. 

Dal 62’ BERISHA 6: Entra a giochi fatti, quando la partita è già finita e le squadre in campo pensano solo ad arrivare al novantesimo. 

LUKAKU 6.5: Quando accelera si vedono le due categoria di differenza con il diretto avversario. Un pasticcino a porta vuota per Immobile, almeno altri tre-quattro cross dalla linea di fondo. In fase offensiva fa quello che vuole, quando vuole. 

62’ DURMISI 6: Qualche spunto intraprendente, Cinaglia gli nega il primo gol con la maglia della Lazio respingendo il suo sinistro a botta sicura. 

CAICEDO 6: Il solito discorso: come rifinitore e partner di Ciro può andare bene, ma sotto porta non sa proprio cosa sia il killer-instinct. Si divora un paio di occasioni buone, non centra lo specchio o cicca il tiro al momento decisivo. 

IMMOBILE 7: Cerca il gol. Quando non lo trova, è il gol che cerca Ciro: Benedettini gli mura il rigore, la palla resta lì perché vuole essere spinta dentro. Il bis è ancora più facile sull’assist perfetto di Lukaku. 

ALL. INZAGHI 6.5: Passa gli ottavi di Coppa Italia con la sigaretta in bocca. Sceglie parecchi titolari, non viene tradito, discorso archiviato in meno di mezzora. Dalla prossima riparte la corsa Champions e si ricomincia a fare sul serio. 

NOVARA (4-3-1-2): Benedettini 6.5; Cinaglia 5, Chiosa 5.5, Bove 5.5, Visconti 5.5; Sciaudone 5.5, Ronaldo 5 (Buzzegoli 6), Nardi 5.5; Schiavi 5.5 (Mallamo 6); Manconi 5.5 (Cattaneo 6), Eusepi 6.5. All. Viali 5.5.