Calciomercato Lazio, Acerbi tra sirene top e rinnovo: le parole dell'agente

Il difensore è una colonna per Inzaghi e la società non vuole privarsene. Ecco la situazione tra possibili offerte e rinnovo.
20.03.2020 07:30 di Marco Valerio Bava Twitter:    Vedi letture
Fonte: MarcoValerio Bava-Lalaziosiamonoi.it
© foto di Antonello Sammarco/Image Sport
Calciomercato Lazio, Acerbi tra sirene top e rinnovo: le parole dell'agente

Chelsea e Inter su Acerbi. La notizia arriva da Milano, ha creato qualche brivido. La Lazio incanta, ha la miglior difesa del campionato, blindata dal proprio leone. Acerbi sta giocando una stagione super, si sta imponendo come il miglior centrale del campionato, un rendimento clamoroso che non poteva non attirare l’interesse di grandi club. Non può stupire, sarebbe stato strano se nessuno si fosse accorto di Ace. Nei giorni scorsi, rispondendo nel corso di una diretta Instagram, il centrale ha aperto alla possibilità di chiudere la carriera in biancoceleste, anche se poi ha fatto pure intendere che andare troppo in là non gli appartiene, meglio ragionare di anno in anno. Ha la sua mentalità Acerbi, vive alla giornata, vive di sudore e lavoro, di umiltà e abnegazione. Così ha sconfitto la malattia e i suoi demoni, così ha imparato a superare ogni volte i suoi limiti.

MERCATO - Dall’entourage del giocatore fanno sapere che, al momento, di concreto non c’è nulla, che nessuna offerta è arrivata sul tavolo e non ci sono stati approcci tali da far scattare un allarme a Formello. Ma l’agente di Acerbi, Federico Pastorello, fa capire che non sarebbe sorprendente se tra qualche mese un top club bussasse alla porta della Lazio per accaparrarselo: “Chelsea e Inter? Ho letto, ma non ne so molto. Certamente Francesco è difensore che può giocare in qualsiasi squadra d’Europa”. Del resto, lo dice il campo, di difensori così ce ne sono pochi. Lo sanno anche Lotito e Tare che non hanno alcuna intenzione di privarsi di Acerbi che è un pilastro in campo e un riferimento fondamentale anche nello spogliatoio. Intorno ad Ace si vuole costruire la Lazio di oggi e di domani quella che andrà a giocare la Champions il prossimo anno (a meno di clamorosi ribaltoni di classifica). Una competizione che il difensore ha giocato con il Milan nel 2012, una competizione che era l’obiettivo di entrambi al momento del trasferimento di due anni fa.

RINNOVO - La Lazio non vuole vendere Acerbi, questo è presupposto fondamentale, lo considera incedibile, non esiste nemmeno una valutazione del 33. Lotito per ora non ha messo sul piatto il rinnovo, dall’entourage fanno sapere che non ci sono stati contatti in tal senso, ma è probabile che nelle prossime settimane sarà la Lazio a fare la prima mossa. Acerbi è legato ai biancocelesti fino al 2023, guadagna 1,5 milioni a stagione, non s’è mai lamentato, non ha mai battuto cassa per avere un ritocco e avvicinarsi a quanto percepito da altri top player della rosa come Immobile e Milinkovic. La società vuole premiarlo, il rendimento è sempre stato eccezionale, come la continuità. Non solo. Acerbi è considerato un simbolo, un esempio anche per i ragazzi. Il rinnovo verrà proposto, si cercherà di portare Ace a guadagnare circa 2,5 milioni a stagione, con bonus potrebbe arrivare a toccare il muro dei 3 milioni. Un modo per blindarlo e allontanare le insidie che il mercato può portare con sé. 

© RIPRODUZIONE RISERVATA - La riproduzione, anche parziale, dell’articolo è vietata. I trasgressori saranno perseguibili a norma di legge.

Pubblicato il 19/03 alle 16.00