RIVIVI LA DIRETTA - Lazio, Sarri: "Noi in costruzione, mi diverto. Il mercato mi annoia, sull'Empoli..."

21.08.2021 07:20 di Carlo Roscito Twitter:    vedi letture
Fonte: Carlo Roscito - Lalaziosiamonoi.it
© foto di Daniele Buffa/Image Sport
RIVIVI LA DIRETTA - Lazio, Sarri: "Noi in costruzione, mi diverto. Il mercato mi annoia, sull'Empoli..."

FORMELLO - L'esordio in campionato, il debutto ufficiale di Maurizio Sarri sulla panchina della Lazio. Alle 12.30 il tecnico biancoceleste presenterà in conferenza la sfida di domani con l'Empoli: segui la diretta scritta delle sue parole su Lalaziosiamonoi.it. 

Come sta Felipe Anderson? Lo impiegherà anche a sinistra?

Felipe dovrebbe essere disponibile, doveva sistemare delle faccende burocratiche per il trasferimento in Italia, per un giorno e mezzo ha dovuto pensare ad altre faccende. Però dovrebbe essere disponibile. L'ho visto a destra e a sinistra negli anni alla Lazio, prevalentemente a destra al West Ham, può interpretare le due soluzioni, vedremo, ma credo che in stagione lo vedremo su entrambe le fasce, come successo anche nell'ultima amichevole. 

Gioca Luis Alberto? Un giudizio su Akpa Akpro?

Questo lo vedremo domani, abbiamo ancora un allenamento da fare. Vedremo domani. Luis Alberto ha avuto 10 giorni di difficoltà per 2-3 acciacchi fisici, questa settimana si è allenato regolarmente. Akpa ci può dare una mano, è dinamico, può aiutare in fase difensiva. Non è magari un calciatore raffinato ma ha tante qualità ed è sottovalutato. 

Romero è già pronto? 

Penso di non aver mai visto un 16enne con questa qualità e determinazione, si allena in maniera feroce. È attento, è un'eccezione per l'età che ha, gli manca chiaramente qualcosa dal punto di vista fisico, ma anche se non è ancora totalmente pronto nella stagione potrà darci una mano.

Luis Alberto?

Mi sembra che stia cominciando piano piano a capire, un giocatore di grande talento dalla tecnica straordinaria. Le qualità fisiche secondo me sono superiori rispetto quello che a volte esprime. Un carattere un po' particolare, un po' intraverso, più ci conosciamo, più andremo d'accordo. Non ho avuto problemi finora con lui. 

Quando è nata l'idea di Pedro? 

Vi rispondo volentieri, ma faccio un altro lavoro, vorrei parlare della partita. Altrimenti do le dimissioni e mi ripresento come ds, il mercato è un argomento pesante, di un noioso mai visto. Voi media avete abituato la gente a parlare solo di mercato, ora sembra che tutti pensino solo a quello. Se per 20 anni si fosse parlato di calci d'angolo, magari si sarebbe parlato di quello e non di mercato. Il nome di Pedro era stato buttato giù in estate insieme ad altri, si è aperto un canale, sono contento del suo arrivo. Lo conoscevo già, è stata sfruttata la possibilità. 

Pedro pronto per giocare dall'inizio? 

Difficile dirlo, è stato con noi in questi due giorni, abbiamo un po' scaricato a livello di preparazione, sono stati allenamenti leggeri rispetto ai giorni precedenti. Difficile quindi valutarlo fisicamente, è bello brillante, quello sì, ma rientra nelle sue caratteristiche. Penso che uno spezzone possa farlo, non so quanto lungo. Difficile valutare da questi due allenamenti solo tattici.

In cosa deve crescere la Lazio? Il ruolo di Correa?

In questo momento Correa è da valutare, è un giocatore forte, che fa comodo a tutti, il ragazzo ha espresso la sua idea in tempi non sospetti, c'è una situazione di stand-by, in divenire, questo non lo mette nelle condizioni ideali di poter fare delle partite. Si sta comportando benissimo, in allenamento non ci fa mancare niente, l'ho detto, lo vedrei bene come esterno sinistro, non lo vedrei male neanche al centro, spesso in carriera ho giocato con un centravanti atipico. Però lì c'è Immobile, quello che forse è il nostro punto di riferimento più importante. Aspettiamo i prossimi giorni, vediamo l'evoluzione per Correa. 

A che punto è la Lazio? 

La situazione nostra è di costruzione chiaramente, in questo momento è in evoluzione e in divenire. Stiamo lavorando, mi ritengo uno specialista, di solito gli specialisti sono quelli che vorrebbero vedere tutto funzionare sempre al massimo, ora questo non è possibile. Molto probabilmente sarà una stagione di costruzione per poter essere maggiormente competitivi nelle stagioni successive. Purtroppo il calcio di oggi è sempre meno per gli specialisti e sempre più per i tuttologi, quindi non è semplice fare questo tipo di costruzione. Sono contento perché ho visto un grande livello di applicazione, si va a cambiare il modo di pensare il calcio, ci sono dei momenti in cui l'evoluzione sembra più veloce, altri in cui sembra interrompersi, questo fa parte del percorso. Ma ho visto un'applicazione feroce dei ragazzi, mi rende contento. Sinceramente vado a fare l'allenamento contento, mi sto divertendo. 

Che partita si aspetta domani? Che ruolo può ritagliarsi la Lazio in questo campionato? 

Partita difficile, ho visto la prima mezzora di Coppa Italia con il Vicenza, se giocherà così dobbiamo stare attenti perché ci farà ballare, ci metterà in grande difficoltà. Non bisogna pensare che l'abbia fatto solo perché contro una squadra di Serie B. Se gioca con quella velocità non c'è categoria che tenga, mette in difficoltà tutte le avversarie. L'Empoli è una squadra giovane e brillante, la classica squadra che tira fuori spesso Fabrizio (Corsi, ndr), un presidente straordinario in questo. L'unico presidente che ho conosciuto in 30 anni con cui poter parlare di calcio e di tattica in maniera profonda, sa come costruire le squadre. Mi aspetto una gara difficile. Sul ruolo della Lazio non lo so, bisogna attenersi ai fatti, si riparte dal sesto posto dell'anno scorso, poi vedremo se si potrà salire o scendere. 

Pubblicato il 20/08 alle 12.27