ESCLUSIVA - Semplici: "Rimasi impressionato da Sergej. Lazio e Roma? Ecco cosa penso"

16.10.2022 07:25 di Lalaziosiamonoi Redazione   vedi letture
Fonte: Lavinia Saccardo - Lalaziosiamonoi.it
ESCLUSIVA - Semplici: "Rimasi impressionato da Sergej. Lazio e Roma? Ecco cosa penso"
TUTTOmercatoWEB.com
© foto di Daniele Mascolo/PhotoViews

Prima calciatore, poi allenatore su importanti panchine come quella del Pisa, Fiorentina Primavera, SPAL e Cagliari, sempre gestite con esperienza e quella passione che l'ha da sempre accompagnato sui campi di pallone. Un accento toscano che ai laziali risuonerà famigliare, Leonardo Semplici è questo e molto di più, uno che vive di pane e calcio e che oggi guarda il campionato da lontano ma si mostra sempre disponibile quando gli viene chiesto di parlare del gioco più bello del mondo. L'ex tecnico ha parlato in esclusiva alla nostra redazione toccando vari temi, da Maurizio Sarri fino a quello che lui reputa "uno dei tre migliori centrocampisti del mondo ", Milinkovic-Savic.

"Ero al Franchi e posso dire di aver visto una Lazio consapevole della propria forza e delle proprie potenzialità. Penso che quest'anno, dopo il lavoro dell'anno passato, il mister abbia messo in campo quelle che sono le sue qualità, anche se rispetto ad altre partite l'ha subita un po' di più. Non so se sia stata una scelta o se sia stata anche per la bravura della Fiorentina. Contro lUdinese sarà un bel test e penso che entrambe possano lottare per i vertici.

Penso che la Lazio possa lottare per i primi posti. In questi anni è stata una delle migliori squadre e anzi credo che abbia fatto anche qualcosa in meno rispetto alla rosa che ha a disposizione. Da esterno però non conoscendo le situazioni non posso giudicare.

Con Sarri ho un buon rapporto, è toscano come me. Credo che sia un allenatore che ha bisogno di tempo. La Lazio ha fatto un percorso importante con Simone Inzaghi e si è ritrovata improvvisamente ad affrontare un cambiamento di modulo, di idee e di mentalità e per questo penso che da quest'anno si inizi a vedere il vero effettivo dell'allenatore e i risultati attuali ne sono la dimostrazione.

Sarri e Mourinho sono due grandi allenatori. Hanno due squadre allestite per i vertici e per questo mi aspetto un bel derby. Sono molto diversi tra loro: Mourinho punta molto sulle qualità individuali, la Roma è ben organizzata ma tende spesso a far fare la partita agli avversari. Per questo credo che la Lazio possa tirare fuori le qualità, poichè Sarri vuole che le sue squadre impongano il loro gioco.

Feci il mio esordio in Serie A sulla panchina della SPAL e giocai all'Olimpico contro la Lazio. Quel giorno mi impressionò molto Milinkovic-Savic che ha saputo poi migliorarsi e affermarsi. Credo che in questo momento sia uno dei tre migliori centrocampisti del mondo. Questa crescita è dovuta soprattutto alle sue qualità ma anche al fatto di aver avuto allenatori che lo hanno aiutato a crescere e a maturare".

Pubblicato il 15/10