Lazio - Chievo, Inzaghi: "Sono deluso, ma ora manteniamo la calma. Ritiro? Assolutamente no"

Pubblicato il 20/04 alle 17:45
21.04.2019 07:00 di Lalaziosiamonoi Redazione   Vedi letture
Fonte: Francesco Mattogno - Lalaziosiamonoi.it
Lazio - Chievo, Inzaghi: "Sono deluso, ma ora manteniamo la calma. Ritiro? Assolutamente no"

Sconfitta pesante per la Lazio contro il Chievo, adesso i ragazzi di Simone Inzaghi saranno chiamati all'impresa per tentare di raggiungere il quarto posto. Al termine della partita, il mister è intervenuto ai microfoni di DAZN. Visibilmente amareggiato, Inzaghi ha invitato i suoi a non perdersi d'animo e spostare la mente subito verso la semifinale di Coppa Italia contro il Milan. Ecco le sue parole: "Era una partita importantissima per noi, ma non l'abbiamo approcciata bene e abbiamo commesso grandissime ingenuità. L'espulsione ha compromesso la partita. Il secondo tempo è iniziato malissimo, ma con inerzia eravamo andati vicino almeno al pareggio con il palo preso da Correa. In certe situazioni dobbiamo cercare di restare tranquilli, l'espulsione di Luis Alberto a gara finita era da evitare, anche se non è facile quando si è nervosi. È una sconfitta che pesa nel nostro cammino. I ragazzi si sono allenati bene in questi due giorni, erano attenti. Il Chievo ha fatto la sua partita ma fino all'espulsione era tutto in equilibrio, anche l'infortunio di Radu ci ha condizionato. Il calendario per noi non sarà semplice, dobbiamo mantenere calma e lucidità e cercare di preparare bene la Coppa Italia, poi penseremo al campionato. La semifinale ci aiuterà subito a voltare pagina, dobbiamo restare tranquilli. I nostri tifosi sono sempre un fattore, c'è stato lo sciopero in Curva per motivi che non conosco, ha pesato non averli al nostro fianco". 

Al termine di Lazio - Chievo, mister Simone Inzaghi è intervenuto anche ai microfoni di Lazio Style Channel per commentare la sconfitta: "Sono deluso. Abbiamo fatto un passo indietro che non ci voleva. L'espulsione è stata una grande ingenuità. Abbiamo trovato un Chievo che ha fatto la partita che doveva fare. Ripeto: abbiamo commesso un'ingenuità che abbiamo pagato a caro prezzo. Rimanere in 10 in Serie A significa nove volte su dieci perdere la partita. Un ko che brucia, ma dobbiamo mantenere lucidità e calma. Mercoledì contro il Milan ci giochiamo la possibilità di andare in finale di coppa con una squadra forte, sul campo loro"

LAZIO - CHIEVO - "È stata una partita un po' bloccata, ma la cosa che non mi è piaciuta è che ci siamo innervositi. Non abbiamo mantenuto le distanze, ci siamo fatti prendere dalla foga. L'espulsione poi ha indirizzato la gara. Ora dobbiamo rimanere lucidi e pensare solo alla partita di mercoledì. Il calendario non ci proporrà gare facili: incontreremo Sampdoria e Atalanta di seguito. Ma il discorso europeo è ancora aperto, ci sono ancora 15 punti in palio. Andare in ritiro? Assolutamente no. Lavoreremo com'è giusto che sia. Non è facile, perché è un ko che pesa, però abbiamo l'obbligo di rialzarsi"

Infine, Simone Inzaghi ha rilasciato anche una breve dichiarazione a Sky Sport: "Questa sconfitta rallenta la nostra corsa all'Europa, ci dispiace perché abbiamo commesso un'ingenuità che abbiamo pagato caro sulla nostra pelle. Rimanere in 10 dopo 30 minuti non è accettabile, 9 volte su 10 perdi ed è stato così. Milinkovic non può farsi espellere per una stupidaggine. Dobbiamo voltare subito pagina e ripartire con la testa verso mercoledì, al campionato ci penseremo dopo il Milan".