PAGELLE Almería - Lazio: Provedel goffo, il centrocampo si eclissa

23.12.2022 07:25 di Carlo Roscito Twitter:    vedi letture
Fonte: Carlo Roscito - Lalaziosiamonoi.it
PAGELLE Almería - Lazio: Provedel goffo, il centrocampo si eclissa
© foto di Lalaziosiamonoi.it

PROVEDEL 4,5: Si ricorda come si para soltanto sul 2-0. Super intervento che però non cancella il pasticcio sul raddoppio spagnolo. Goffo, si accartoccia senza riuscire a respingere. Anche nel primo tempo aveva sbagliato un’uscita alta.

LAZZARI 5: Quantomeno ci prova. Niente di clamoroso, per carità, però con Felipe Anderson dalla sua parte sembra essere l’unico in grado di creare qualcosa di pericoloso. A inizio secondo tempo viene però saltato netto sul 2-0. 

Dal 75’ RADU 6: Un quarto d’ora con il risultato già compromesso.

PATRIC 5: Devia in modo sfortunato il pallone che sblocca il risultato: era posizionato bene, si fa sorprendere dal buco dell’attaccante avversario. Nella ripresa arriva in ritardo sulla fascia, il suo mancato intervento permette agli avversari di arrivare al tiro e al 2-0.

Dall’80’ GILA sv

ROMAGNOLI 6: Tocca tanti palloni in impostazione, il movimento dei compagni non c’è, va in difficoltà quindi in entrambe le fasi. Non ha colpe particolari sui gol subiti. Forse è l'unico che si salva lì dietro. 

MARUSIC 5,5: La volontà non manca, a differenza di tanti altri. Ma fa fatica pure lui.

VECINO 5: Contro l’Hatayspor, appena tornato dal Mondiale, era stato uno dei migliori. Oggi è un fantasma che vaga per il campo fino all’intervallo.

Dal 46’ MILINKOVIC 5,5: Entra per dare la scossa, così sotto ritmo è impossibile incidere su un match già in salita. Ha un paio di chance sul sinistro, definire i tiri rivedibili è un complimento.

CATALDI 5,5: Poco filtro, sono slegati tutti i movimenti dalla metà in campo in su, l’Almeria si distende con troppa facilità. Non solo per colpa sua, chiaramente. Tra i tre che giocano dall'inizio è quello con più verve. 

Dal 64’ MARCOS ANTONIO 5,5: Mezz’ora compreso il recupero, sui contrasti è troppo leggero.

LUIS ALBERTO 5: Perde due-tre palloni di fila, va in affanno nelle coperture degli spazi e anche quando bisogna accendere la luce, tirare fuori dal cilindro qualche giocata in grado di cambiare lo spartito. Tutto così monotono.

Dal 64’ BASIC 5,5: Era complicato avere un impatto diverso. Non si nota nemmeno.

FELIPE ANDERSON 6: Un paio di strappi. Mezzi strappi, non esageriamo: prova a combinare con Lazzari, sembra l’unica soluzione per far male all’Almeria. Il suo lo fa, senza nulla di trascendentale. 

Dal 70’ ROMERO 6: In 20 minuti poteva poco.

IMMOBILE 5: Un solo tiro in porta su un pallone riconquistato. Non viene mai servito a dovere, gara evanescente anche da parte di Ciro. 

Dal 75’ CANCELLIERI 6: Vale il discorso per gli altri che entrano a poco dalla fine. Che poteva fare?

PEDRO 5,5: L’unica nota positiva è la standing ovation del pubblico che si becca per un cambio sbagliato: riceve gli applausi e poi rimane in campo. Oggi po’ compassato e impreciso.

ALL. SARRI 5: Poteva essere il terzo indizio per fare la prova. Al contrario sono tre passi indietro rispetto alle partite disputate in Turchia. Non funziona nulla: tatticamente, fisicamente, tecnicamente.

Pubblicato il 22-12