Atalanta - Lazio, Gasperini: "Mercoledì è stata dura. Domani solo 3 assenti"

Il tecnico dell'Atalanta ha presentato in conferenza stampa il match contro la Lazio di domenica, già affrontata in settimana in Coppa Italia
30.01.2021 13:45 di Tommaso Marsili Twitter:    vedi letture
Fonte: Lalaziosiamonoi.it
Atalanta - Lazio, Gasperini: "Mercoledì è stata dura. Domani solo 3 assenti"
TUTTOmercatoWEB.com
© foto di Daniele Buffa/Image Sport

Atalanta - Lazio, atto II. Dopo lo scontro di mercoledì sera in Coppa Italia, le due formazioni sono pronte ad affrontarsi nuovamente domenica in campionato. Gian Piero Gasperini ha svolto la consueta conferenza stampa dove ha presentato la gara: "Come si affrontano partite ravvicinate con la stessa squadra? Sotto l'aspetto tattico hai più conoscenze, puoi cercare di limitare gli avversari. Siamo contenti di giocare due semifinali in otto giorni, abbiamo entusiasmo e risultati che ci stanno dando ragione. Arrivare a questa partita avendo vinto la precedente ci dà la carica giusta, già arrivare nelle prime quattro è stato un grande traguardo".

ASSENZE E CERTEZZE - "Domani gli assenti saranno Hateboer, Gosens e Sutalo, per il resto ci siamo tutti. Abbiamo comunque Maehle e Ruggeri che possono sostituire i due esterni, ma abbiamo provato anche altre soluzioni. Romero non è acciaccato, sono tutti giocatori recuperabili. Sutalo ha avuto un problema alla caviglia, anche Hateboer non sarà convocato. Stamattina ci siamo allenati, ci siamo presi qualche ora in più. Palomino può giocare domani, visto che a Napoli sarà squalificato. In questo momento stanno facendo bene tutti". 

SCONTRO IN COPPA ITALIA - "Mercoledì è stata dura, abbiamo giocato 40' in dieci. Abbiamo anche la partita con il Napoli, cercheremo di fare il massimo possibile. Poi il campionato è un'altra competizione. Acerbi è arrivato a pochi metri dalla porta nell'azione del gol, è stato più un episodio in una gara in cui abbiamo giocato bene a livello difensivo". 

ATTACCO PIENO DI RISORSE - "A turno vedo un po' tutti, abbiamo recuperato Pasalic che è stato recuperato. In quel ruolo hanno fatto bene tutti, Miranchuk e Malinovskyi hanno fatto gol. Credo che in questo momento sta facendo molto bene anche Lammers rispetto a qualche settimana indietro. Poi le partite di Ilicic, Muriel e Zapata...abbiamo tre giocatori in ottime condizioni, abbiamo tutte le risorse. Finché riusciamo a ottenere i risultati va bene lo stesso. Lammers? Sta bene anche lui, come tutti gli attaccanti. È un giocatore dalle ottime caratteristiche, può giocare in diversi modi. Proprio perché ha giocato bene sta facendo bene anche in settimana. I giocatori che vengono presi sono funzionali alla squadra, poi bisogna cercare di adattare anche le migliori caratteristiche del giocatore, pur mantenendo l'impostazione della squadra che non va smantellata. Lammers si sta inserendo, arriva da un campionato diverso. Ci vuole un po' più di tempo a differenza di Maehle, Romero o Pessina. Non è che nell'Atalanta ci vogliono sei mesi di apprendistato per giocare. Lammers resta? Per me sì. Ci sono altre dinamiche nelle esigenze di una società, deve giocare per avere una crescita anche in prospettiva". 

CAMPIONATO DIVERSO - "C'è grande battaglia, è un campionato diverso. Sono tutte coinvolte per i propri obiettivi: il nostro è quello di restare più a lungo possibile nel carro delle primissime, poi più avanti si potranno tracciare gli obiettivi. Con due punti puoi essere in Champions o fuori dall'Europa League. Stiamo vivendo un bel momento, c'è un bellissimo entusiasmo. C'è una crescita da parte di tutti, al momento stiamo facendo risultati ma stiamo giocando con buone soluzioni. Si vede anche in allenamento, poi ci sono le partite: si gioca ogni tre giorni, in una settimana cambia tutta la visione. C'è uno spirito che mi piace molto. Devo dire che negli ultimi anni abbiamo sempre girato alto, ci sono stati dei gironi di ritorno in cui abbiamo fatto anche 40 punti. Stiamo cercando di alzare il nostro target, non è facile migliorarsi in questo. Il girone d'andata è stato un record".

MERCATO - "No, non c'è apprensione. Siamo a posto così. Kovalenko? Bisogna aspettare lunedì, non è ancora chiaro cosa succede".

PROSSIMI IMPEGNI - "Il Real Madrid ha iniziato a osservarci? Anche noi abbiamo iniziato a vedere loro (ride, ndr). La stagione è veramente anomala, abbiamo giocato tantissime partite e siamo soltanto alla prima di ritorno. Non è il momento di bilanci perché siamo dentro a tutto, l'attenzione è di gara in gara. In dieci giorni ci giochiamo la finale di coppa Italia e tra meno di un mese dovremo affrontare il Real Madrid. Cerchiamo di stare dentro a tutto, non vogliamo fare bilanci".