Lazio - Sassuolo, le statistiche del match: quando la supremazia territoriale è sterile

08.04.2019 10:30 di Federico Marchetti Twitter:    Vedi letture
Fonte: Lazio Page
© foto di www.imagephotoagency.it
Lazio - Sassuolo, le statistiche del match: quando la supremazia territoriale è sterile

Il match tra Lazio e Sassuolo consegna alla storia della stagione biancoceleste un'altra partita in cui la supremazia territoriale non è stata convertita in una vittoria. Come già avvenuto contro la Spal, infatti, Immobile e compagni hanno gestito il possesso del pallone sensibilmente di più rispetto agli avversari (29'51" contro 19'05"), schiacciando il Sassuolo nella propria metà campo senza però concretizzare: 50 passaggi tentati in area avversaria (record stagionale), 27 cross tentati di cui solo 9 riusciti, 22 tiri effettuati (7 in porta) contro i 5 del Sassuolo. Eppure ai neroverdi sono bastati 2 tiri in porta per rischiare di vincere la partita. Altro dato allarmante è quello che riguarda i gol subiti nei venti minuti finali: ben 14, solo Chievo, Parma, Frosinone e Sampdoria hanno fatto peggio.

SINGOLI - Entra in diverse statistiche Luis Alberto, sicuramente tra i più positivi: migliore in passaggi effettuati (63 su 75), tocchi di palla (97), occasioni create (6), passaggi offensivi (41 su 52, record stagionale). A spiccare in difesa è il solito Acerbi, che mette a segno 8 duelli vinti di cui 2 aerei, 12 palle recuperate e 2 disimpegni, ma che si fa spodestare da Badelj e Radu rispettivamente in anticipi e tackle (3 per entrambi). Bene Marusic in cross (4 su 10) e dribbling riusciti (2), con il montenegrino che si conferma come il velocista della squadra: suo infatti lo scatto più rapido (32,88 km/h).

Si ringrazia la redazione di Lazio Page per le statistiche