Lazio, altra chance sprecata: Lulic salva Inzaghi da un altro ko

Pubblicato il 07/04 alle ore 19:58
08.04.2019 07:22 di Francesco Tringali   Vedi letture
Fonte: Francesco Tringali - Lalaziosiamonoi.it
© foto di www.imagephotoagency.it
Lazio, altra chance sprecata: Lulic salva Inzaghi da un altro ko

Fragile, appannata e sempre più indietro nella corsa alla Champions. È una Lazio ancora ferma al palo di una classifica che non cambia, in un turno alla vigilia favorevole. Un 2-2 col Sassuolo confezionato in un secondo tempo cominciato bene e conclusosi con un risultato ancora amaro. Immobile di rigore, poi un vantaggio dilapidato in pochi minuti. Pari riacciuffato dai capelli, buono solo ad evitare la seconda sconfitta consecutiva. I mugugni dell'Olimpico chiudono una settimana da montagne russe, che lascia a terra una Lazio con qualche capogiro e pochi punti buoni.

TUTTO NELLA RIPRESA - I tre cambi di Inzaghi rispetto alla Spal non sembrano risvegliare - almeno inizialmente - la verve e la qualità di quella Lazio arrembante vista solo poche settimane fa. Caicedo, Parolo e il rientro di Radu (fuori Bastos) servono a dare nuovo fiato e idee alla formazione di Ferrara. Eppure la troppa bramosia e quella voglia di scrollarsi di dosso il peso di una brutta prestazione, rende la Lazio meno lucida e più confusionaria. Sassuolo inesistente, Strakosha fa la comparsa, il resto è tutta Lazio giganteggiante. Ma l'unico ad aver trovato lo specchio nel primo tempo è il solo Acerbi, che di testa distende un Consigli a tratti inoperoso. Se non quando Peluso rischia la frittata rinviando addosso a Immobile o sul piazzato di Luis Alberto, in un tiro lento e angolato a sfiorare il palo. Insomma, i mugugni dell'Olimpico al duplice fischio invitano ad una scossa. Ma è subito tempo di Var review alla ripresa: il cross di Patric deviato col gomito da Locatelli è motivo di moviola, ma il rigore è concesso e realizzato da Immobile. Un mese dopo riecco Ciro e la fine del suo digiuno. Ma la fragilità di questa Lazio viene tutta fuori nel pareggio incassato due minuti dopo: difesa biancoceleste maldestra, serie di tocchi in area successivi a un rinvio errato di Radu, prima del tap in di Rogerio. Da qui in poi diventa un assedio, complice anche l'ingresso di un frizzante Correa al posto di Caicedo. Ma la chance del sorpasso è ancora sui piedi di Immobile, che sbaglia un gol incredibile su una scodellata in area di Luis Alberto: controllo a due passi dalla linea di porta e ciabattata fuori dallo specchio tra disperazione e incredulità dell'Olimpico. Che si rinnova quando Consigli si supera su un bello stacco aereo di Milinkovic. Ma è l'atroce beffa che si ripete scoccato il minuto 88: con quattro passaggi il Sassuolo manda in porta Berardi. Eppure il sipario lo abbassa Lulic, bravo a raccogliere una respinta ed evitare il secondo ko consecutivo. Lo 0-0 tra Inter-Atalanta regala qualche sporadic sorriso, ma sabato prossimo con il Milan diventa ancora più decisiva