Lazio, Pedro non è mai sazio: "L'anno prossimo vogliamo la Champions". E su Sarri...

Pubblicato alle 00:05
22.05.2022 07:40 di Elena Bravetti Twitter:    vedi letture
Fonte: Lalaziosiamonoi.it
Lazio, Pedro non è mai sazio: "L'anno prossimo vogliamo la Champions". E su Sarri...

Intervenuto ai microfoni di Lazio Style Channel al termine di Lazio - Verona, Pedro ha fatto un bilancio sulla sua prima stagione in biancoceleste. Lo spagnolo ha analizzato il suo rendimento, arricchito da 9 gol all'attivo: “Una cifra buona, i numeri sono buoni. Dopo Natale ho avuto tanti infortuni, ho perso tante gare in cui avrei potuto aiutare la squadra. È un peccato! Comunque sono felice, alla fine abbiamo raggiunto l’obiettivo che avevamo più vicino, arrivare al quinto posto. L’anno prossimo possiamo fare tante altre cose buone. Dobbiamo lavorare per la Champions, credo che questa squadra possa farcela senza problemi”.

LAVORO QUOTIDIANO - “Mi trovo bene. Lavoro tutti i giorni per arrivare alla miglior forma. È stato un peccato non aver potuto aiutare la squadra come avrei voluto. Alla fine sono contento, abbiamo giocato bene, credo che stiamo migliorando tanto. Dobbiamo continuare così con quest’idea, ciò che il mister vuole fare”.

RELAX“Relax? Sì, meritato riposo. Quest’anno è stato lungo. Con Maurizio c’è sempre un rapporto speciale, lo conosco molto bene. È stato al fianco anche durante tutti questi anni in cui mi è successo qualcosa che non avevo mai vissuto (esser messo fuori squadra, ndr). È stata anche un’opportinità per me, ne ho approfittato”.

TIFOSI - “È sempre uno stadio speciale per me, volevo questa vittoria per i tifosi che sono stati sempre vicini alla squadra e a me. Sapevamo che anche col pareggio eravamo quinti, ma io volevo vincere a tutti i costi. Alla fine non è arrivato, ma devo comunque ringraziare tutti per quest’anno. Un peccato non poter dare questo regalo ai tifosi”.

CRESCITA - “Siamo cresciuti tanto, tanti giocatori sono migliorati. Dobbiamo continuare così. Abbiamo raggiunto anche l’idea che vuole Sarri. Ciro è stato il capocannoniere, tanti altri hanno fatto un lavoro impressionante. Possiamo ancora migliorare”.

TORNA ALLA HOMEPAGE

TORNA ALLA HOMEPAGE