PAGELLE - Lazio - Spal, chapeau Ciroud! Caicedo-bis, che treno Lazzari

02.02.2020 16:53 di Carlo Roscito Twitter:    Vedi letture
Fonte: Carlo Roscito - Lalaziosiamonoi.it
© foto di www.imagephotoagency.it
PAGELLE - Lazio - Spal, chapeau Ciroud! Caicedo-bis, che treno Lazzari

STRAKOSHA 6: Missiroli la piazza col mancino, un rigore in movimento. L’unica parata, semplice, sul tiro da fuori di Di Francesco. Era stato il più pericoloso anche nel primo tempo stampando sul palo da distanza ravvicinata. Spettatore non pagante.

BASTOS 6,5: Non giocava titolare da Milan-Lazio. Forse per questo ci mette un po’ a capire che deve accelerare le idee (e i passaggi) per viaggiare alla stessa velocità della Lazio. Un’uscita coi tempi sbagliati permette a Di Francesco di presentarsi dalle parte di Strakosha: per fortuna non costa il gol. Nella ripresa sfiora l’eurogol dopo un dribbling di suola.

ACERBI 6,5: Un leader assoluto: non si limita a difendere, una volta riconquistato il pallone guida l’arrembaggio sganciandosi fino alla porta avversaria. Sul 5-0 si fa saltare da Missiroli. Giusto così, verrebbe da dire: una chiusura dura poteva costargli il giallo. Con un risultato del genere meglio subire un gol che finire tra gli squalificati.

RADU 7: Non sbaglia una virgola, quando difende e quando imposta. Preciso, puntale, pulito. Garanzia di rendimento ed esperienza. Diffidato, esce per non rischiare nulla.

Dal 72’ VAVRO 6: Entra e si piazza al centro della linea a tre, nella posizione dove finora è sembrato più sicuro.

LAZZARI 7,5: Gioca con lo scooterone, è quasi illegale. Gara mostruosa, avrebbe meritato il gol. Straordinario lo stesso: spara sul palo, il tiro diventa un suggerimento a porta vuota per Caicedo. Quello vero, di assist, lo serve ad Adekanye. Un treno che non deraglia mai.

MILINKOVIC 7,5: Dentro la partita? No: sopra, sotto, di lato, dappertutto. Contrasta, sventaglia, suggerisce, conclude: mette in mostra l’intero repertorio. Sciccherie. Giganteggia per il campo, un centrocampista totale.

LEIVA 7,5: Intercetta pure i moscerini che gli sfiorano il viso. Sontuoso fino all’intervallo, poi può alleggerire il pressing e i pensieri. C’è tanto del suo merito se tutti gli altri possono divertirsi dalla metà campo in avanti.

LUIS ALBERTO 7,5: Classe infinita, un rifinitore a tutto campo. Cervello calcistico, un’intelligenza superiore. Ogni passaggio può diventare un assist vincente, ogni lancio un’occasione pericolosa. Fenomenale.

LULIC 7: Era in ballottaggio, lo vince per poi stravincere il duello sulla fascia con Strefezza. Moto perpetuo, si permette pure le trivele alla Quaresmo. Festeggia al meglio la 350esima presenza in biancoceleste. Sempre più nella storia.

Dal 61’ JONY 6: Mezzora in campo con il risultato già spianato. Un paio di discese interessanti.

CAICEDO 8: Felipeee Caicedooo, eeeh, oooh! Il voto lo danno i tifosi al momento della sostituzione: standing ovation, prestazione da spellarsi le mani per gli applausi: fa partire l’azione che poi deposita in porta (2-0), cuce il gioco offensivo, infila sotto l’incrocio il poker che chiude il primo tempo. Esce perché servirà al massimo nelle prossime partite, altrimenti avrebbe meritato di giocare per due giorni di fila.

Dal 49’ ADEKANYE 7: Gli fanno il coro prima ancora che segni. “Bobby gol” accontenta la Curva e lo stadio intero spingendo dentro il 5-0, facile facile. Si toglie una bella soddisfazione.

IMMOBILE 8,5: Ciroud, et les jeux sont faits! Una macchina da gol: sono 25 in campionato, il record di Higuain comincia a tremare. Tremano tutti, in realtà, davanti a lui. Doppietta e assist: rete di rapina, rete di classe ostinazione, il tutto senza mai far mancare il sostegno ai compagni. Il suo valore supera il tabellino dei marcatori, non è solo un nome scritto e riscritto. Realizzatore di sogni.

ALL. INZAGHI 8: Se ne sta lì, in piedi davanti alla panchina, con il joystick in mano: roba da Play Station, la sua Lazio. Sorpasso all’Inter, aspettando il posticipo di stasera, mettendo pressione a Conte. Complimentissimi!

SPAL (3-5-2): Berisha 4,5; Tomovic 5, Felipe 5 (Zukanovic 6), Bonifazi 4,5; Strefezza 5,5, Castro 5 (Valdifiori 6), Missiroli 6, Dabo 5 (Murgia 6), Reca 5,5; Floccari 5,5, Di Francesco 5,5. All.: Semplici 5.