Coppa Italia: conosciamo la Cremonese, avversario della Lazio. Palombi torna a casa

04.12.2019 09:15 di Valerio De Benedetti Twitter:    Vedi letture
Fonte: Lalaziosiamonoi.it
© foto di Daniele Buffa/Image Sport
Coppa Italia: conosciamo la Cremonese, avversario della Lazio. Palombi torna a casa

La Cremonese batte l'Empoli di misura grazie a un gol di Claiton e si aggiudica l'approdo agli ottavi di finale della Coppa Italia. Sarà proprio la squadra lombarda a sfidare la Lazio nel prossimo turno. Un percorso lungo quello dei ragazzi di Baroni (subentrato ad ottobre a Rastelli), iniziato addirittura ad agosto. Prima la Virtus Francavilla, poi la vittoria sorprendente ai supplementari contro il Verona, infine l'1-0 rifilato ieri all'Empoli. Questo il cammino che ha portato i lombardi dritti fino allo Stadio Olimpico, anfiteatro della sfida con gli uomini di Inzaghi, che andrà in scena tra il 15 e il 22 gennaio (orario e data sono ancora da fissare). 

UNA SQUADRA ESPERTA - L'esperienza conta, soprattutto in un campionato difficile come quello di Serie B, che per il momento recita 14esima posizione. Poco da disperarsi, la classifica è cortissima e addirittura a sole 5 distanze c'è il secondo posto occupato da Cittadella, Perugia, Pordenone e Crotone. La Cremonese può vantare in rosa calciatori esperti e con diverse presenze in Serie A: dall'ex Cagliari Agazzi (35) a Claiton (35), passando per gli ex Frosinone Soddimo e Ciofani (32 e 34) fino ad arrivare a Fabio Ceravolo (32), quest'ultimo legato a Baroni dopo il periodo insieme a Benevento. Dal Verona poi in estate sono arrivati anche Caracciolo e Bianchetti. Una squadra che rappresenta il giusto mix fra giovani ed esperti e che punta a fare un campionato di Serie B tranquillo. 

PALOMBI - Tra le fila della Cremonese c'è anche un po' di Lazio. Simone Palombi, dopo le esperienze con Ternana, Salernitana e Lecce, ha deciso di scegliere la squadra lombarda per continuare il suo percorso di crescita. Anche quest'anno l'ex bomber della Primavera biancoceleste, si sta confermando sui suoi livelli. Già 4 le reti messe a segno in stagione, 2 all'esordio proprio in Coppa Italia contro la Virtus Francavilla, le altre invece in campionato ai danni di Crotone e Frosinone. La concorrenza lo ha costretto a partire spesso dalla panchina, ma alla fine Baroni e Rastelli non hanno mai rinunciato a lui, tranne in occasione della partita col Cittadella persa 2-0. Per lui, il cui cartellino rimane di proprietà della Lazio, sarà un ritorno a casa, di fronte alla società che lo ha visto crescere, vincere, segnare e poi spiccare il volo. La prima volta contro la sua squadra del cuore, della quale spera presto di poter tornare a vestire i colori. 

Calciomercato Lazio, il Fenerbahce ‘molla’ Durmisi: il sogno è Kolarov

Van Basten e la frase nazista: l'EA Sports lo esclude da FIFA 2020

TORNA ALLA HOMEPAGE