Lazio, Acerbi il contratto e non solo: le possibili ragioni dello sfogo

Le dure parole di Acerbi dal ritiro della Nazionale fanno discutere. Oltre al rinnovo contrattuale, però, ci sarebbero altre faccende irrisolte...
08.09.2020 07:20 di Antoniomaria Pietoso Twitter:    Vedi letture
Fonte: Antoniomaria Pietoso - Lalaziosiamonoi.it
© foto di Image Sport
Lazio, Acerbi il contratto e non solo: le possibili ragioni dello sfogo

RASSEGNA STAMPA - "Se è questo l'atteggiamento che hanno e andranno avanti così, forse il rinnovo non sarà più nella mia testa". Dal ritiro della Nazionale ad Amsterdam, Francesco Acerbi lancia una bomba. Dichiarazioni forti che hanno scosso l'ambiente biancoceleste che ha condannato fin da subito il difensore. L'ex Sassuolo ha parlato del rinnovo contrattuale, ma la sensazione è che dietro le sue parole ci sia altro. Sembra spropositata la reazione per l’eventuale fuga di notizie errate e la pubblicazione di cifre diverse rispetto a quelle reali. Come sottolinea l'edizione odierna de Il Messaggero, sarebbero più di una le cose irrisolte con la società. Una situazione che dura dal lockdown e dai due mesi di stipendio (marzo e aprile) incriminati che parte dei calciatori avrebbero comunque gli venissero corrisposti. Non è finita qui perché ci sono poi gli ormai noti dissapori con lo staff sanitario e la vicenda del nutrizionista. Fabbri, infatti, è amico del centrale che lo ha consigliato personalmente alla Lazio. Le critiche subite non sono andate giù ad Acerbi che aveva difeso il professionista con più post duri sui social. A queste ragioni si aggiungono anche gli interessi di Napoli e Inter (soprattutto) che potrebbero aver gettato ulteriore benzina sul fuoco. Adesso sta a Tare, Lotito, Inzaghi e e Peruzzi provare a spegnere l'incendio anche perché il leone biancoceleste ha altri tre anni di contratto ed è al centro del progetto del mister. Riusciranno nell'impresa?

LAZIO, ACERBI DURO SUL RINNOVO

Lazio, tifosi delusi da Acerbi: "Che caduta di stile". Sui social è polemica

CLICCA QUI PER TORNARE ALLA HOMEPAGE

Pubblicato il 7 settembre