Calabria, Bonucci e Bonaventura in coro: "La Lazio fa paura. Il gol di Cutrone? Considerato regolare..." - VD

Pubblicato ieri alle 20:15
29.01.2018 06:55 di Alessandro Vittori Twitter:   articolo letto 19408 volte
Fonte: Lalaziosiamonoi.it
© foto di DANIELE MASCOLO/PHOTOVIEWS
Calabria, Bonucci e Bonaventura in coro: "La Lazio fa paura. Il gol di Cutrone? Considerato regolare..." - VD

Vittoria del Milan contro la Lazio, anche se per l’ennesima volta nella stagione biancoceleste c’è lo zampino dell’arbitro. Irregolare il primo gol di Cutrone, realizzato con l’aiuto dell’avambraccio. A fine partita Calabria ha parlato ai microfoni di Sky Sport: “Ultimamente stiamo facendo buone prestazioni, volevamo vincere contro una davanti in classifica. Questo è frutto del lavoro settimanale. Ci auguriamo che questa sia la svolta, il periodo è positivo, stanno arrivando risultati, stiamo lavorando tanto ed è giusto che sia così. Bastava qualche risultato in più per avere fiducia, poi il pubblico ci dà quel qualcosa in più”.

Anche Leonardo Bonucci ha parlato a Sky Sport: “Il mister è stato bravo a trasmetterci la sua fame, voglia, umiltà e sacrificio. Sul campo si vede la voglia di fare gioco e rischiare per arrivare a obiettivi importanti. Stasera è stata una vittoria difficile, ma dobbiamo recuperare in fretta visto che mercoledì abbiamo la prima semifinale contro la Lazio. La vittoria ha un sapore importante perché fatta contro i biancocelesti, che insieme al Napoli sono la miglior squadra del campionato. Abbiamo lavorato tanto con Gattuso e lo staff, nelle ultime due abbiamo messo benzina nelle gambe. Quando ci si sente bene fisicamente anche la testa va meglio. La Coppa Italia? Ci da la possibilità per la finale, sarà importante tenere bene il campo. La Lazio nei singoli e per come è messa in campo fa paura. Stasera nel finale si sono alzati con il baricentro mettendo palle alte per Milinkovic. Hanno concluso con tanti attaccanti ed era normale abbassarci. In campo però eravamo una squadra che voleva dire la sua”.

Bonucci ha parlato poi in zona mista: “Entrare a San Siro con tanti tifosi ed entusiasmo e regalare loro una vittoria è ancora più bello. Ora dobbiamo continuare su questa strada. Mercoledì ci aspetta un’altra battaglia e speriamo lo stadio sia ancora così pieno, abbiamo bisogno di loro. Abbiamo intrapreso una grande crescita che va alimentata quotidianamente attraverso gli allenamenti. Le vittorie portano entusiasmo, quindi è più facile mettere a disposizione umiltà e sacrificio. Le critiche? Me le sono meritate e ne ho tratto qualcosa di positivo per migliorarmi. Il gol di Cutrone? Non ho avuto modo di vederlo, ma credo sia stato involontario. Ci sono i mezzi per valutarlo in tempo reale, se è stato dato vuol dire che è stato considerato regolare. La colpa è mia: se l’avessi toccata prima, non ci sarebbero stati dubbi (ride, ndr)”.

Lo stesso Bonaventura ha parlato ai microfoni di Sky Sport: “C’è una bella aria nello spogliatoio. Mercoledì si rigioca, abbiamo visto che la Lazio è una grande squadra. Da domani bisogna pensare al campo perché l’impegno incombe. All’inizio ho avuto qualche problema fisico e poco tempo per prepararmi, avevo bisogno di un bel lavoro. Adesso sono in condizione e devo andare avanti così. Il ruolo di mezzala per me non è nuovo, sono abituato a giocare lì. Non pensiamo alla classifica, siamo indietro e per recuperare terreno c’è da fare qualcosa di grande”.

Bonaventura ha parlato anche in zona mista: “Siamo contenti perché affrontavamo una grande squadra. La Lazio ti può mettere in difficoltà in tanti modi, ora non ci dobbiamo esaltare. Bisogna continuare a lavorare con questa applicazione: ci sono tante partite, il campionato è ancora lungo. Çalhanoğlu? Ha qualità e cerco di aiutarlo in mezzo al campo. Abbiamo fatto una buona partita. Mercoledì ce n’è un’altra, abbiamo visto i pericoli che può crearci la Lazio e quindi dobbiamo pensare subito alla prossima. Il gol di Cutrone? Ero girato di spalle, non ho visto”.