Serie A, dal fallo di mano al rinvio dal fondo: come cambierà il regolamento

02.05.2019 15:17 di Lalaziosiamonoi Redazione   Vedi letture
Fonte: Francesco Mattogno - Lalaziosiamonoi.it
Serie A, dal fallo di mano al rinvio dal fondo: come cambierà il regolamento

Sarà un anno di grandi cambiamenti, quello che a partire dalla prossima stagione vedrà lo stravolgimento di diverse norme del regolamento del gioco del calcio. Le nuove direttive, stabilite dall'IFAB (International Football Association Board, cioè l'organo internazionale che ha il potere di modificare e innovare il regolamento) entreranno in vigore all'inizio del nuovo campionato e riguarderanno diversi aspetti del regolamento che oggi conosciamo. A partire dalla rimessa dal fondo: ad oggi, quando un portiere batte un calcio di rinvio corto, il difensore può ricevere il pallone solo una volta che questo sia uscito dall'area di rigore, e gli stessi attaccanti avversari non possono andare in pressing dentro l'area. Dalla prossima stagione questo cambierà, l'area di rigore non sarà più zona franca e sia il difensore che l'attaccante potranno rispettivamente stoppare il pallone e intercettarlo, anche prima che esca dall'area. Un cambiamento atto a incentivare le squadre ad impostare da dietro, oltre anche a garantire maggiore spettacolo e velocità di gioco.

IL FALLO DI MANO - Il fallo di mano, anche e soprattutto nell'epoca del VAR, rimane uno dei soggetti principe di polemiche e discussioni arbitrali. Quindi l'IFAB riscriverà anche questa regola, con la volontarietà del tocco di mano che non sarà più la condizione primaria sulla quale gli arbitri valuteranno se il fallo sia da fischiare o meno. Dalla prossima stagione si darà maggior rilievo all'apertura delle braccia, con la volontarietà che diventerà solo uno dei tanti parametri di giudizio.

LE ALTRE NORME - Sono ancora tante le regole che dall'anno prossimo andranno di nuovo imparate dai fischietti di tutto il mondo. Per esempio, i calciatori sostituiti non saranno più obbligati a uscire dalla metà campo - lato panchine - ma usciranno dalla linea laterale a loro più vicina, così da evitare perdite di tempo. Ecco alcune delle norme più importanti che verranno modificate: i cartellini, sia gialli che rossi, verranno utilizzati anche per i membri dello staff tecnico seduti in panchina (allenatore su tutti); il portiere sarà obbligato ad avere solo un piede sulla riga nei calci di rigore (oggi deve tenerli entrambi, risultando svantaggiato nel tuffo); i giocatori della squadra che batte un calcio di punizione non potranno più allungare la barriera dei difensori avversari, come accade oggi, disturbando la visuale del portiere; i tocchi fortuiti dell'arbitro non saranno più considerati neutri in azioni importanti, cambi di possesso o addirittura in azioni da gol (in tutti questi casi, l'azione verrà interrotta e l'arbitro "scodellerà" il pallone). Verranno ritoccate, ma più nel dettaglio, anche altre regole. Di certo, la prossima stagione il calcio sarà un po' diverso da quello che abbiamo conosciuto fino ad oggi.

LAZIO, LOTITO PARLA DEL MURALES

LAZIO-ATALANTA, L'ARBITRO DEL MATCH

TORNA ALLA HOMEPAGE