PAGELLE Fiorentina - Lazio: Luis illude, ma è un disastro generale

27.02.2024 07:13 di Carlo Roscito Twitter:    vedi letture
Fonte: Carlo Roscito - Lalaziosiamonoi.it
PAGELLE Fiorentina - Lazio: Luis illude, ma è un disastro generale
© foto di Lalaziosiamonoi.it

PROVEDEL 5: La paratona su Nico, a un certo punto finiscono i miracoli e insieme a loro pure la fortuna: Kayode la infila sotto la traversa, sul tiro di Beltran la lascia lì, è un po' coperto ma poteva fare dieci volte meglio, non una. 

LAZZARI 4,5: Spinge mezza volta, non si sa se è più impreciso o nervoso. Sbraita troppo per quella che è la sua prestazione, una serata in cui non se lo può permettere.

CASALE 4,5: Un salvataggio che vale come una doppietta, neanche come un gol. Crolla all'improvviso: non chiude Belotti sul cross dell'1-1, atterra lo stesso attaccante per il rigore (rigore?) sbagliato da Nico, si addormenta sulla respinta di Provedel e Bonaventura lo brucia. Incenerito, quindi, anche l'intervento sulla linea del primo tempo. 

ROMAGNOLI 5: Un paio di buone chiusure (soprattutto di testa), però la Fiorentina entra da tutte le parti e vallo a capire dove poter mettere una pezza. 

MARUSIC 4,5: Sulle palle alte è distratto, se la Fiorentina non segna fino a quando è in campo lui, deve ringraziare solo il caso. 

Dal 46' HYSAJ 4,5: Entra all'intervallo, ma soltanto con il corpo. La testa rimane seduta in panchina e con la copertina di pile ancora sistemata per scaldarlo. Pennica prolungata, a cominciare dal pareggio viola. 

GUENDOUZI 5,5: L'assist per l'inserimento di Luis Alberto, è l'unico passaggio di livello fatto dalla Lazio nell'intera partita. Gli strappano il possesso che porta al penalty fallito. L'ultimo ad arrendersi, così però è complicato resistere. 

CATALDI 5: Una faticaccia di gara, il filtro non esiste, né tantomeno il movimento dei compagni intorno. Non gira nulla al Franchi, solo la testa della Lazio.  

Dal 62' VECINO 5: Mezz'ora di fatica, poteva sperare in un rientro migliore.

LUIS ALBERTO 5,5: Stop perfetto, palla all'angolino: è il gol bellissimo dell'illusione. Non cambia lo spartito del match, nella ripresa la partita riprende esattamente come l'intero primo tempo. E lui è evanescente come tutti gli altri, la rete non basta mica per salvarlo.

ISAKSEN 5: Neanche un tentativo, entra in modo "indiretto" nell'azione del gol del Mago. Non rientra però in campo dopo l'intervallo, era stata una prestazione più che anonima. 

Dal 46' ZACCAGNI 5,5: L'unica giustificazione è lo stop lungo più di un mese, per incidere in queste condizioni (quelle della squadra) ci vuole un prodigio che ora non gli è possibile.  

IMMOBILE 5: Sua l'apertura per Guendouzi che poi serve Luis Alberto. È anche la "chiusura" delle giocate da ricordare. Le altre meglio dimenticarle e non esclusivamente per colpa sua. 

Dal 78' CASTELLANOS sv

FELIPE ANDERSON 5: Pochi, pochissimi spunti. Che sono pur sempre meglio del nulla cosmico. Ma ci va vicino vicino eh...

Dal 78' PEDRO sv

ALL. SARRI 4,5: La Lazio, peggio della versione odierna, era difficile immaginarla. La Fiorentina sembra la selezione tra il City, il Real, l'Inter e tutte quelle rimaste in Champions. Invece è solo la Fiorentina: sconfitta meritata, per quanto visto bisogna considerarsi soddisfatti di una sconfitta di misura. Che è la misura del disastro di oggi.

FIORENTINA (4-2-3-1): Terracciano 6; Kayode 7, Ranieri 6,5, Milenkovic 6, Biraghi 6,5; Arthur 6,5 (Maxim Lopez sv), Bonaventura 7; Sottil 5,5 (Mandragora sv), Beltran 6,5 (Barak sv), Nico Gonzalez 6; Belotti 6,5 (Nzola sv). All.: Italiano 7.

Pubblicato 26.02