I NUMERI DEL MATCH - Una Lazio che corre, ma non basta. La Juventus passa grazie a muscoli e fraseggio

Pubblicato ieri alle 12
27.08.2018 07:30 di Claudio Cianci   Vedi letture
Fonte: Lalaziosiamonoi.it
© foto di www.imagephotoagency.it
I NUMERI DEL MATCH - Una Lazio che corre, ma non basta. La Juventus passa grazie a muscoli e fraseggio

La Lazio ha creato una buona mole di gioco, ma non è bastato. Questa, in sintesi, la dinamica del match di ieri fra i romani e la Juventus. La formazione di Allegri ha messo in mostra la sua facilità nel tenere palla e nell'effettuare le giocate, come ha spiegato Senad Lulic al termine della partita. E i numeri - come si legge sul portale ufficiale della società capitolina - dimostrano questo andamento.

POSSESSO JUVE - I bianconeri hanno mostrato i muscoli e un predominio territoriale notevole, il 53% di possesso di palla traduce matematicamente la capacità nel fraseggio della Juventus. La Lazio dal canto suo non è rimasta a guardare: i biancocelesti hanno prodotto 36 azioni, trovando 8 volte la conclusione. Va specificato però che solo in 3 circostanze hanno centrato lo specchio della porta, peraltro sempre da fuori area. A testimonianza che a livello offensivo è mancato spesso l'ultimo passaggio, come ha spiegato anche Simone Inzaghi al termine della sfida. Sono 48 invece le iniziative prodotte dai capitolini. 21 di queste sono state create sulla corsia di sinistra, 14 per via centrale e le restanti 13 sul binario di destra.

CORSA - La Lazio - al di là del risultato finale - ha corso molto nel rettangolo verde dell'Allianz Stadium. I torinesi hanno percorso 107,126 chilometri, mentre i romani sono riusciti a totalizzarne 107,468. Un duello interessante si è svolto a centrocampo fra Lucas Leiva e Matuidi: i due hanno percorso lo stesso numero di chilometri (11,262) riuscendo a portare equilibrio e garanzie di contenimento alle loro rispettive squadre.

LUIS ALBERTO - Luis Alberto merita una menzione a parte, lo spagnolo non è ancora al top della condizione ma sicuramente sta migliorando. L'iberico ha giocato 42 palloni completando il 71% dei passaggi tentati (24). Il numero 10 inoltre si è mosso molto percorrendo una distanza pari a 7,744 chilometri. A questo va aggiunto che può rammaricarsi per quella splendida conclusione effettuata nella ripresa che ha sfiorato la porta difesa da Szczęsny