Mancini: “Il 14 maggio mi porta bene. Play-off? Non credo siano necessari”

Ecco le parole del C.T. della Nazionale Roberto Mancini. Un pensiero sul calcio italiano e anche sulla Lazio del 2000, vincitrice dello scudetto 19 anni fa.
15.05.2019 06:55 di Francesco Mattogno Twitter:    Vedi letture
Fonte: Dal nostro inviato Valerio De Benedetti - Lalaziosiamonoi.it
Mancini: “Il 14 maggio mi porta bene. Play-off? Non credo siano necessari”

Prima di partecipare all'evento per il premio “Beppe Viola”, il C.T. della Nazionale Roberto Mancini - uno dei premiati - si è intrattenuto ai microfoni della stampa. L'ex laziale ha parlato del momento del calcio italiano, rilasciando anche una battuta finale sullo scudetto del 2000. Ecco le sue parole: Play-off? Io penso che la Juventus in questo momento sia diverse spanne sopra a tutte e che le altre debbano cercare di raggiungerla. È successo in diversi campionati che per anni ci sia stata una squadra nettamente superiore, poi le inseguitrici si sono rinforzate. Per esempio il Napoli non è così lontano e potrebbe ribaltare l'esito della Serie A nei prossimi anni, non conta solo l'aspetto economico. Bisogna costruire delle buone squadre e tutti puntano a farlo, a volte ci vuole più tempo e chi ha meno entrate fa certamente più difficoltà, ma lavorando bene si possono raggiungere grandi traguardi”.

ITALIA: “Siamo una nazionale abbastanza giovane, la strada intrapresa è quella giusta e siamo a buon punto. Abbiamo tanti talenti interessanti”.

LO SCUDETTO DEL 2000: “Non mi ricordavo che fosse oggi, ma evidentemente il 14 maggio è una data buona. Ho vinto lo scudetto con la Lazio e la FA Cup con il Manchester City dopo 40 anni, poi ho fatto questa intervista. Tutte cose positive (ride n.d.r.)”.

PREMIO BEPPE VIOLA, L'EVENTO

LA CONFERENZA STAMPA DI LULIC

TORNA ALLA HOMEPAGE

PUBBLICATO IL 14/05 ALLE ORE 17.45