Serie A, il ministro Spadafora: "Il 3 maggio non si riparte. Stop anche per gli allenamenti"

30.03.2020 07:05 di Francesco Bizzarri Twitter:    Vedi letture
Fonte: Lalaziosiamonoi.it
© foto di Samantha Zucchi/Insidefoto/Image
Serie A, il ministro Spadafora: "Il 3 maggio non si riparte. Stop anche per gli allenamenti"

Quando ripartirà il calcio italiano? Ad oggi non c’è ancora una data, l’Italia è ancora nel pieno dell’emergenza coronavirus. Il ministro dello Sport, Vincenzo Spadafora, ai taccuini de La Repubblica ha ammesso: “Il calcio non ricomincerà il 3 maggio. Le squadre di Serie A hanno già sbagliato quando era il momento di fermarsi. Devono capire che nulla sarà più come prima. Pensavo ai nostri ragazzi abituati a stringersi, abbracciarsi, passarsi la bottiglietta d'acqua: tutto questo mancherà per molto tempo. Riprendere le partite il 3 maggio è irrealistico. Domani proporrò di prorogare per tutto aprile il blocco delle competizioni sportive di ogni ordine e grado. Ed estenderò la misura agli allenamenti, sui quali non eravamo intervenuti perché c'era ancora la possibilità si tenessero le Olimpiadi”.

IL CAMBIAMENTO - “Lo sport non è solo il calcio e il calcio non è solo la Serie A. Destinerò un piano straordinario di 400 milioni allo sport di base, alle associazioni dilettantistiche sui territori, a un tessuto che sono certo sarà uno dei motori della rinascita. Dal calcio di Serie A invece mi aspetto che le richieste siano accompagnate da una seria volontà di cambiamento: le grandi società vivono in una bolla, al di sopra delle loro possibilità, a partire dagli stipendi milionari dei calciatori. Devono capire che niente dopo questa crisi potrà più essere come prima”.

Calciomercato Lazio, sogno Depay: ecco le condizioni

Lazio, Luiz Felipe può rimanere fuori dalle Olimpiadi nel 2021: ecco perché

Torna alla home page

Pubblicato ieri alle 11:05