FORMELLO - Lazio, Immobile spaventa il Porto. Cabral pronto, Acerbi gestito

24.02.2022 07:40 di Carlo Roscito Twitter:    vedi letture
Fonte: Carlo Roscito - Lalaziosiamonoi.it
FORMELLO - Lazio, Immobile spaventa il Porto. Cabral pronto, Acerbi gestito
TUTTOmercatoWEB.com
© foto di www.imagephotoagency.it

FORMELLO - Immobile c’è: in gruppo durante la rifinitura e pronto a guidare l’attacco della Lazio. Sarri, orfano di Zaccagni (squalificato) e Pedro (acciaccato, ma l’infortunio è meno grave del previsto), recupererà il suo bomber per tentare la rimonta ai danni del Porto. Felipe Anderson e Cabral correranno ai lati di Ciro, ritrovato dall’attacco influenzale. In panchina i baby Moro e Romero, sono le due armi offensive utilizzabili a match in corso. A centrocampo torneranno dalla squalifica (scontata in campionato) Leiva e Luis Alberto: il Mago è sicuro del posto, il brasiliano si gioca la maglia con Cataldi, strapositivo a Udine. Milinkovic è il big a cui non si può rinunciare, le sta giocando tutte.

RIFLESSIONI. In difesa si fanno i conti con lo stop di Lazzari, fermo per una lesione di secondo grado al flessore destro. Acerbi ha risolto lo stiramento muscolare, ma è fermo da 45 giorni e non verrà impiegato dall’inizio. Ancora troppo presto, come rivelato da Sarri in conferenza stampa. L'ex Sassuolo è entrato in campo leggermente dopo i compagni e ha effettuato un riscaldamento a parte prima di unirsi alla rosa per le prove tattiche. Al centro della difesa, quindi, di nuovo la coppia Luiz Felipe-Patric. Marusic si muoverà a destra, a sinistra ballottaggio tra Radu e Hysaj. Nel match d’andata venne preferito il romeno, in leggero vantaggio pure per la sfida di domani. Tra i pali Strakosha, ha svolto la seduta della vigilia dopo il riposo di ieri pomeriggio.

PROBABILE FORMAZIONE (4-3-3): Strakosha; Marusic, Luiz Felipe, Patric, Radu; Milinkovic, Leiva, Luis Alberto; Felipe Anderson, Immobile, Cabral. A disp.: Reina, Furlanetto, Hysaj, Acerbi, Kamenovic, Cataldi, Basic, Akpa Akpro, A.Anderson, Moro, Romero. All.: Sarri.

Pubblicato il 23/2