FORMELLO - Lazio in campo a Pasqua: confronto Inzaghi-squadra, poi sfida con la Primavera

Pubblicato il 21/04 alle ore 13:00
22.04.2019 07:28 di Carlo Roscito Twitter:    Vedi letture
Fonte: Carlo Roscito - Lalaziosiamonoi.it
© foto di Insidefoto/Image Sport
FORMELLO - Lazio in campo a Pasqua: confronto Inzaghi-squadra, poi sfida con la Primavera

FORMELLO - La Lazio entra puntuale all’interno del centro sportivo, ma scende in campo con un’ora di ritardo. Prima della seduta di scarico, a Formello, va in scena un lungo confronto tra Inzaghi e la squadra. La seduta di scarico inizia intorno alle 11.30 invece che alle 10.30. Ci si allena anche a Pasqua. Ma non è una punizione per la prestazione di ieri: oggi la sgambata blanda, da domani inizierà la preparazione in vista della semifinale di ritorno con il Milan. Non ci sarà Radu, infortunato e squalificato: aveva preso il rosso nei quarti con l’Inter, i turni di stop (dopo il ricorso) erano diventati due dai quattro iniziali, tornerà a disposizione nell’eventuale finale. A patto che riesca a risolvere una volta per tutte il problema alla caviglia: aveva appena recuperato, con il Chievo si è fermato dopo appena un quarto d’ora per una nuova distorsione. 

SEDUTA. Stamattina l’allenamento inizia con un gruppo unico. Poi Inzaghi divide la squadra tra chi ha affrontato il Chievo e chi è rimasto a riposo. Tra questi anche Leiva, fermo per squalifica ieri pomeriggio. Ci sarà lui in regia mercoledì sera, molto probabilmente con Milinkovic e Luis Alberto ai suoi lati, visti i cartellini rimediati ieri che li toglieranno dalle opzioni di scelta per la prossima sfida di campionato con la Sampdoria (rischiano più di una giornata). Ok Correa, dalla rifinitura di sabato ha smaltito il dolore alla caviglia, anche se stamattina non è stato utilizzato nella partitella finale con la Primavera. Soltanto dieci uomini di fronte ai baby di Bonacina: Proto in porta, Wallace, Patric e Bastos in difesa, Romulo, Leiva, Milinkovic (visti i soli 34’ giocati) e Lulic a centrocampo, Cataldi in appoggio di Neto davanti. Risultato finale di 3-2: doppietta di Milikovic e Lulic (due reti di Cesaroni per la Primavera). Ai box i lungodegenti Lukaku e Berisha. Ormai non fanno più notizia: hanno concluso da tempo la loro stagione.