Lazio, nuovo processo per il caso tamponi. Intanto Lotito riflette se agire contro Gravina

Il presidente della Lazio riflette se agire per vie legali contro Gravina. In settimana il nuovo processo riguardante il caso tamponi
02.10.2021 08:45 di Tommaso Marsili Twitter:    vedi letture
Fonte: Lalaziosiamonoi.it
Lazio, nuovo processo per il caso tamponi. Intanto Lotito riflette se agire contro Gravina

RASSEGNA STAMPA - Claudio Lotito ha 30 giorni per decidere se agire per vie legali contro Gravina. Il presidente della FIGC ha escluso il patron della Lazio dal Consiglio Federale di giovedì per via dell'inibizione dovuta al caso tamponi (il divieto dura 7 mesi e dovrebbe finire il 26 ottobre). La sentenza nei confronti del numero uno biancoceleste, nonché Consigliere federale, è però caduta dopo il pronunciamento del Collegio di Garanzia del CONI: Lotito ha avuto la conferma da fidati giuristi e processualisti e può quindi decidere se impugnare il verbale o meno.

NUOVO PROCESSO - Come un fiume in piena, il caso tamponi continua il suo incessante percorso. Dopo l'espressione del Collegio, è stato fissato un nuovo processo per riformulare sentenze e motivazioni. Come riporta la rassegna stampa di RadioseiLotito si dovrà presentare, in videoconferenza, davanti alla Corte Federale d'Appello il 19 ottobre. Ci sarà un presidente diverso rispetto a Torsello che trattò la vicenda il 30 aprile, lo impone l’articolo 12 bis, comma 3, dello Statuto del CONI. 

MEMORIA DIFENSIVA - Ciò che ha aiutato Lotito a scagionarsi è stata la memoria difensiva firmata dall’illustre giurista Romano Vaccarella. Il professore si è concentrato sulla struttura medica composta da 17 dottori alleggerendo così le responsabilità dell'imputato.