Lazio, occasione sprecata: il palo e l’Atalanta fermano i biancocelesti

La squadra di Sarri non approfitta dei tanti assenti tra gli ospiti e non va oltre lo 0-0 all'Olimpico contro i bergamaschi...
23.01.2022 07:30 di Antoniomaria Pietoso Twitter:    vedi letture
Lazio, occasione sprecata: il palo e l’Atalanta fermano i biancocelesti

La Lazio di Maurizio Sarri non va oltre lo 0-0 contro l’Atalanta che si è presentata all’Olimpico con una formazione in piena emergenza. I biancocelesti hanno faticato a costruire gioco e possono recriminare per il palo colpito da Zaccagni nella ripresa. Troppo poco per superare l’ostacolo bergamasco e un’occasione sprecata vista la situazione degli avversari. Un passo indietro per i capitolini che sono apparsi meno spumeggianti che in altre occasioni.

FORMAZIONI - Sarri deve rinunciare ancora ad Acerbi e Pedro a cui si aggiunge anche lo squalificato Cataldi. Luis Leiva torna titolare in campionato dopo oltre tre mesi. Per il resto Hysaj preferito a Lazzari, mentre Zaccagni stringe i denti e parte titolare. In panchina si rivede Basic. Atalanta in piena emergenza tra covid e infortuni. Gasperini è costretto ad adattare il giovane Scalvini a centrocampo. Attacco tutto sulle spalle di Piccoli. Toloi e Maehele, negativi agli ultimi tamponi, partono dalla panchina.

PRIMO TEMPO - Gara bloccata nella prima frazione con l’Atalanta che si difende con ordine e la Lazio fatica a macinare gioco. Ci prova Zaccagni a sinistra che continua a collezionare falli subiti.  I bergamaschi chiudono bene, ma i biancocelesti creano poco. L’assenza di Cataldi si fa sentire nella manovra, mentre Luis Alberto fatica ad accendersi. La prima mezz’ora scorre senza emozioni, ma è ospite la prima chance con Scalvini che calcia colpendo Piccoli. Poco altro da segnalare nella prima frazione se non le ammonizioni di Pezzella e Zappacosta. Al 39’ Milinkovic prova a scuotere con una conclusione dai venti metri che termina alta.  Senza recupero si chiudono i primi quarantacinque minuti senza particolari brividi.

SECONDO TEMPO - Nella ripresa le due squadre entrano in maniera più intraprendente. Hysaj si sovrappone in un paio di circostanze senza trovare fortuna. Il primo tiro nello specchio del match arriva al 50’ con Pessina, Strakosha blocca senza problemi. Poco dopo colpo di testa di Immobile che finisce alto. Lucas Leiva è poi provvidenziale quando toglie il pallone a Scalvini al momento del tiro. Al 63’ la sfortuna ferma la Lazio: cross di Milinkovic, stop e bolide a colpo sicuro di Zaccagni, palla che sbatte sul palo a Musso battuto. Due minuti più tardi è Miranchuk a rendersi pericoloso con un sinistro a girare che esce di poco alla destra di Strakosha. Il russo è ancora pericoloso, ma stavolta il portiere albanese è attento e blocca. Sarri inserisce Lazzari per Hysaj, mentre Gasperini perde anche Miranchuk che si fa male e lascia posto a Toloi. Al 73’ è Marusic a cercare il gol con un destro dal limite, palla che non passa lontano dall’incrocio dei pali. Al 77’ uno strappo di Lazzari porta al tiro Luis Alberto, conclusione a girare debole su cui Musso fa buona guardia. Basic subentra a un Luis Alberto sottotono. Gasperini nel finale si affida ai giovani, mentre la Lazio prova gli assalti finali senza trovare lo spiraglio giusto.

Pubblicato il 22/01/2022