MOVIOLA | Lazio-Milan, Di Bello torna "Di Brutto": tutti gli episodi disastrosi

02.03.2024 07:29 di Edoardo Zeno Twitter:    vedi letture
MOVIOLA | Lazio-Milan, Di Bello torna "Di Brutto": tutti gli episodi disastrosi
TUTTOmercatoWEB.com
© foto di www.imagephotoagency.it

Il Milan vince di misura all'Olimpico contro la Lazio in una marea di polemiche. Prova disastrosa dell'arbitro Di Bello che sembra non ha mai in mano il controllo della partita. Il fischietto di Brindisi sbaglia tanto, praticamente tutto e espelle ben tre calciatori della Lazio. Il direttore di gara ritorna a essere "Di Brutto", come lo aveva definito Berlusconi dopo un Monza-Udinese nell'agosto del 2022. Di seguito tutti gli episodi della partita che somiglia di più a un film horror. 

PRIMO TEMPO

12' - Primo episodio importante della partita. Frittata difensiva tra Florenzi e Maignan. Il portiere rossonero esce a cannone e dopo aver colpito il pallone travolge letteralmente Castellanos con la palla ancora in gioco e a disposizione. Di Bello fa segno che si può giocare e non viene aiutato nemmeno dal VAR. Le immagini parlano chiaro. Maignan tocca si prima la palla, ma poi frana addosso all'attaccante argentino della Lazio. Errore da atita rossa.

21' - Altra scelta discutibile del direttore di gara che comanda una punizione dal limite per il Milan per un presunto fallo di Vecino su Loftus-Cheek. Il centrocampista uruguaiano, però, sembra aver toccato il pallone in scivolata con il ginocchio.

22' - Ammonito Sarri per proteste.

30' - Di Bello completamente in confusione. Non bastano gli errori con il fischietto, arrivano anche quelli di posizionamento. Il direttore di gara interrompe un clamoroso contropiede per la Lazio intercettando involontariamente. 

38' - Terzo fallo di Florenzi ai danni di Zaccagni. Non arriva il cartellino giallo che era più che meritato.

SECONDO TEMPO 

50' - Prima ammonizione sacrosanta per Pellegrini che interviene nettamente in ritardo su Pulisic lanciato in contropiede.

57' - Di Bello espelle Pellegrini. L'errore non è tanto sul secondo cartellino giallo (il fallo del terzino biancoceleste è netto) ma per non aver interrotto prima il gioco per il colpo al volto subito da Castellanos. L'attaccante argentino era fermo a terra dolorante, ma l'arbitro fa finta di niente. Poi Pellegrini troppo ingenuo non mette fuori il pallone ed è costrette a spendere un altro fallo da ammonizione su Pulisic.

58' - Ammonito Romagnoli per proteste.

60' - Arriva finalmente il cartellino giallo per Florenzi dopo l'ennesimo intervento in ritardo su Zaccagni. Al quarto fallo arriva la sanzione, meglio tardi che mai.

70' - Altro ammonito nel Milan si tratta di Adli. Netta la sua trattenuta ai danni di Felipe Anderson che stava conducendo il contropiede biancoceleste. Anche qui poteva essere il secondo cartellino per il centrocampista rossonero che a inizio ripresa aveva trattenuto fallosamente Guendouzi. Anche in quel caso Di Bello aveva lasciato correre.

76' - Gol annullato al Milan per posizione di fuorigioco di Leao. Di Bello aiutato in questo caso dalla sala VAR.

77' - Altro ammonito in casa Lazio. Si tratta di Immobile per proteste.

80' - Giallo sacrosanto per Gabbia che atterra con un fallo il contropiede guidato da un instancabile Guendouzi.

84' - Fioccano i cartellini gialli adesso. Di Bello non ha mai avuto in mano il match. Ammonito Theo Hernandez che falcia Isaksen lanciato a campo aperto e con tanto campo a disposizione.

90' - Ammonito Hysaj.

94' - Ennesimo episodio del match. Di Bello fischia un fallo molto generoso al Milan per una leggera spinta di Marusic su Leao. Il montenegrino esagera con le proteste, ma il direttore di gara non capisce il momento e gli sventola in faccia il cartellino rosso. Lazio in nove.

95' - Ammonito Leao per fallo tattico.

97' - Terzo rosso per la Lazio che chiude in otto uomini. A finire negli spogliatoi è Guendouzi che reagisce dopo la trattenuta evidente e reiterata di Pulisic. Proabilmente sarebbe bastato fischiare un po' prima il fallo. Ammonito anche il numero 11 del Milan per il fallo.

Pubblicato l'1/03 alle 22.55