RITIRO LAZIO GIORNO 3 - Milinkovic, un inizio ritiro da top: mercato lontano, lui fa il leader

Il gigante serbo, al primo allenamento in Germania, è apparso subito tra i migliori: È andato anche in gol nella prima partitella.
05.08.2019 07:45 di Francesco Bizzarri Twitter:    Vedi letture
Fonte: Da Marienfeld - Francesco Maria Bizzarri - Lalaziosiamonoi.it
RITIRO LAZIO GIORNO 3 - Milinkovic, un inizio ritiro da top: mercato lontano, lui fa il leader

MARIENFELD - Sorriso e grandi giocate: possiamo anche fermarci qui nel descrivere l’inizio del ritiro in Germania di Milinkovic-Savic. Le sirene di mercato inglesi suonano sempre più piano: Pogba è sempre del Manchester United. Lotito non aveva i mezzi per farlo rimanere davanti a cifre folli, i Red Devils non hanno i mezzi (e non vogliono) per prenderlo. Deve uscire il “Polpo” Paul, direzione Real Madrid. Ma il sudoku di mercato, tra cifre e operazioni sull’asse Madrid-Manchester-Roma, non si risolve ancora: l’ex Juventus è alla corte di Ole Gunnar Solskjaer, Sergej a quella dI Simone Inzaghi.

NUOVO LEADER - Milinkovic è cresciuto nella Lazio. Dal suo arrivo, era il 6 agosto 2015, sono passati 4 anni. Era un giovane con le lacrime (lasciate a Firenze sulle rive dell’Arno), è diventato uomo in biancoceleste. Ora in squadra è uno dei leader, perché ha esperienza, conosce l’ambiente ed è un giocatore imprescindibile per questa squadra e società. Ha iniziato il ritiro estivo di Marienfeld alla grande, subito in gol nella prima partitella. In Germania contro il Bournemouth ha sfiorato la rete, ha regalato grandi giocate (suo il lancio per Adekanye che ha dato il via all’autogol impacciato che è valso il 3-0), ha salvato sulla linea di porta un gol praticamente fatto. Ottantuno minuti ben giocati contro un avversario sì modesto, ma anche molto aggressivo e falloso.

LAZIO IN TESTA - E pensare che quando Milinkovic non si era visto nell’amichevole a Bournemouth, qualche brivido di paura è passato: non gioca perché parte. Invece ecco il numero 21 correre sul bel prato verde della Benteler Arena. Lo United è lontano, in fila per il Sergente ci sono Tottenham e Paris Saint-Germain, che però non hanno mai alzato il telefono. Si vedrà. Dal ritiro si capisce che Milinkovic ha tutta l’intenzione di fare bene ancora alla Lazio. E i continui post sul suo Instagram sono un ulteriore prova. Gli atteggiamenti, se letti tra le righe, fanno capire molto.

LAZIO, MILINKOVIC RICORDA LA COPPA ITALIA

LAZIO, COME CAMBIA IL CENTROCAMPO DOPO L'ADDIO DI BADELJ

CLICCA QUI PER LA HOMEPAGE