Sampdoria - Lazio, Romulo: "Speriamo di rubare punti a Milan e Atalanta. Champions? Ci crediamo"

Pubblicato il 28/04 alle ore 20:25
29.04.2019 07:28 di Federico Marchetti Twitter:    Vedi letture
Fonte: Lalaziosiamonoi.it
© foto di Federico Gaetano
Sampdoria - Lazio, Romulo: "Speriamo di rubare punti a Milan e Atalanta. Champions? Ci crediamo"

Ottima prova anche oggi per Romulo, una sicurezza sulla fascia destra della Lazio che oggi ha anche servito un assist per il secondo gol di Caicedo. Al termine del match contro la Sampdoria l'esterno biancoceleste è intervenuto ai microfoni di Sky Sport, commentando: "Champions League? Finché c'è speranza ci crediamo fino all'ultima partita. Oggi abbiamo fatto un passo importante verso il nostro obiettivo, ci siamo rimessi in gioco, speriamo in un pareggio nelle partite di Milan e Atalanta. Ci siamo rilassati un po' dopo l'espulsione del giocatore della Samp e loro hanno quasi pareggiato una partita che avevamo già vinto. Bello però vedere come reagire questa squadra nonostante le assenze importanti di Milinkovic, Luis Alberto, Immobile. Siamo un bel gruppo, abbiamo fatto un'ottima prestazione. Atalanta la prossima settimana? Sicuramente è uno spareggio, non so se le squadre non giocheranno al massimo per non dare spunti per la finale di Coppa Italia. Sarà una partita divertente, daremo il massimo per raggiungere i nostri obiettivi il prima possibile".

Romulo è intervenuto anche ai microfoni di Lazio Style Channel: “Era importante la vittoria,  sono amareggiato per il palo però fa parte del gioco. Sono contento per questa vittoria che ci permette di continuare a lottare. I fischi dei tifosi? Stavo sorridendo non per scherzare con loro ma per dire di calmarsi, alla fine questo è uno sport. In parte mi fa piacere però, perché vuol dire che avevo bene con il Genoa, forse è per questo che i tifosi erano arrabbiati con me (ride, ndr). La vittoria oggi era importantissima, se l’avessimo persa oggi eravamo fuori dal gioco senza altro da dire. Ora siamo nuovamente lì e se qualche squadra davanti inciamperà noi saremo lì. Ballottaggi? Non è una competizione, vuol dire che abbiamo un gruppo forte: oggi non hanno giocato Luis Alberto, Milinkovic-Savic e Immobile e Luiz Felipe, ma Catadi, Caicedo, Parolo e Wallace hanno svolto ottime prestazioni. Prossima di campionato? Si tratta di uno scontro diretto con l’Atalanta, anzi direttissimo.  Ce la giocheremo con tutte le nostre forze. Una vittoria domenica prossima vuol dire tanto per la nostra stagione e il nostro obiettivo”.

Il centrocampista italo-brasiliano è poi intervenuto anche ai microfoni dei cronisti presenti in mixed zone: "Ci siamo rimessi in gioco, il campionato è ancora aperto e ce la giocheremo fino all'ultima partita. Oggi è un passo importante verso il nostro obiettivo, abbiamo fatto un'ottima gara poi ci siamo rilassati un po' anche per l'espulsione di Ramirez. Però ce l'abbiamo fatta e siamo contenti. Gestire la gara era calcolato ma non pensavamo di subire un gol con un giocatore in più. Ci crediamo alla Champions fino all'ultimo, siamo a tre punti dalla Roma e un punto da Milan e Atalanta che devono ancora giocare. Siamo ancora in gioco e vediamo che ci riserverà il futuro. Oggi primo tempo di sacrificio, il secondo più di gestione. L'affetto della gente? Ringrazio i tifosi, l'importante è dare il massimo, sto cercando di fare il meglio e fin qui sta andando tutto bene. C'è una finale da giocare e mancano ancora quattro partite dove dovremo dare tutto. Il gruppo è meraviglioso, nonostante le assenze di oggi abbiamo fatto un'ottima gara con Cataldi, Parolo e Caicedo che ha fatto anche una doppietta. E' un bel gruppo e questo è importante per ripartire. Siamo indietro in campionato, ma se qualcuno inciamperà noi siamo lui per occupare il loro posto. Il palo? Potevo essere più altruista ma vedevo solo la porta e non era per egoismo. Speriamo la prossima volta la palla entri. Nel finale avevo male alla spalla, ma il cambio era già previsto".