Scaloni, dalla Lazio alla finale del Mondiale: l'incredibile carriera del 'Toro'

16.12.2022 11:32 di Lalaziosiamonoi Redazione   vedi letture
Fonte: Niccolò Di Leo - Lalaziosiamonoi.it
Scaloni, dalla Lazio alla finale del Mondiale: l'incredibile carriera del 'Toro'
TUTTOmercatoWEB.com
© foto di Federico De Luca

Domenica Lionel Scaloni ha la possibilità di alzare al cielo la Coppa del Mondo. L'ex terzino della Lazio, oggi c.t. dell'Argentina, affronterà domenica alle 16.00 la Francia in finale, con il sogno di regalare al suo popolo il terzo Mondiale (dopo l'ultimo vinto nel 1986 in Messico). Per Scaloni sarebbe il punto di arrivo di un percorso straordinario iniziato nel 2018 quando, esonerato Sampaoli (di cui era stato ex anche a Siviglia), viene nominato c.t. ad interim dell'Argentina. L'inizio della sua carriera da primo allenatore è scoppiettante: le quattro vittorie e il pareggio ottenuti, gli valgono la conferma e l'avvio di quel sogno chiamato Mondiale.

Nel 2019 Scaloni conduce i suoi in semifinale della Coppa America, uscendo sconfitta per 2-0 dal Brasile padrone di casa (poi vincitore), ma arrivando terza nella competizione, dopo aver battuto il Cile nella finale per il terzo e quarto posto. Il gradino più basso del podio non basta ed è solo l'assaggio di quello di cui è capace la squadra dell'ex Lazio. Passano due anni e nell'edizione successiva della Coppa America, giocata di nuovo in Brasile, l'Argentina affronta e batte in finale i padroni di casa, alzando al cielo la coppa e chiudendo il cerchio aperto nel 2019.

Tre anni dopo, nella più atipica delle Coppe del Mondo, Scaloni torna a far sognare l'Argentina come squadra e come nazione. Da vero condottiero ha saputo trovare nei suoi ragazzi la voglia di reagire dopo il difficile esordio nella competizione (sconfitta per 2-1 contro l'Arabia Saudita). Il percorso fatto fino a ora li ha visti imporsi contro squadre come l'Australia agli ottavi, l'Olanda ai quarti e la Croazia in semifinale, portandoli a un passo dalla storia. Dagli anni alla Lazio come giocatore, ai trionfi continentali al possibile Mondiale da allenatore: il sogno continua e tutto è nelle sue mani.