Lazio - Fiorentina, Sarri: "Non mi divertivo così dal primo anno di Napoli”

06.02.2022 07:25 di Saverio Cucina Twitter:    vedi letture
Fonte: Lalaziosiamonoi.it
Lazio - Fiorentina,  Sarri: "Non mi divertivo così dal primo anno di Napoli”
TUTTOmercatoWEB.com
© foto di www.imagephotoagency.it

Tre punti, tre gol e altro clean sheet per la Lazio. Altra prestazione convincente per i biancocelesti, ancor più contro una diretta avversaria in ottica Europa. Al termine del match, Maurizio Sarri ha commentato la gara ai microfoni di Sky Sport: "Non so se sia la vittoria più "Sarriana" fin qui. Io credo che dobbiamo rispettare le caratteristiche dei giocatori che abbiamo. I nostri sono bravi a ripartire, soprattutto gli attaccanti, quindi era giusto essere bassi e ripartire. Sono stati bravi i ragazzi a giocare di personalità, senza che la palla scottasse, con pazienza e palleggio. Quindi, da questo punto di vista, forse sì (una vittoria "Sarriana", ndr)".

IL PESO DELLE GARE INFRASETTIMANALI - "Non penso sia un caso che abbiamo fatto bene quando non avevamo l'impegno infrasettimanale. Abbiamo pagato qualcosa in quelle occasioni.  Abbiamo giocato a volte dopo 65 ore dall'ultima gara. Anche le altre squadre lo hanno fatto, ma meno della metà di noi. Questo lo abbiamo pagato sicuramente".

SCHEMA - "Palla lunga sull'attaccante? E' la nuova frontiera del Sarrismo (ride, ndr) . Questa è una squadra che ha un centravanti che fa 30 gol a stagione, per cui dobbiamo partire anche da questo. Sotto un certo aspetto stasera abbiamo fatto quello che proviamo in allenamento con la gestione della palla. Però con queste caratteristiche ogni tanto in profondità dobbiamo andarci".

MIGLIORAMENTI DIFENSIVI - "Ramos è più portato a certe letture, Patric invece mi sta sorprendendo. E' tecnico e veloce, ma gioca molto di istinto. Nell'ultimo mese sta facendo letture di reparto. Non è più la prima partita che la difesa fa un ottimo lavoro"

MERCATO - "E' chiuso, inutile parlarne. Sicuramente quando hai dei giocatori che non utilizzi è giusto mandarli a giocare e non appesantire lo spogliatoio. Ora abbiamo questi ragazzi, io da un paio di mesi ho la sensazione che stiamo crescendo, ma tutto è condizionato dai risultati. Mi sto divertendo durante gli allenamenti. Ora inizierà un tour de force, sarà più difficile allenarsi, ma ripeto, le sensazioni erano positive da tempo".

Il tecnico biancoceleste ha commentato il match anche ai microfoni di Dazn: "Abbiamo fatto una buona partita, una buona fase difensiva. Nel secondo tempo abbiamo capitalizzato ma nel primo abbiamo sprecato troppo. La partita si poteva risolvere già nel primo tempo. Complessivamente è stata una partita di buon livello".

MILINKOVIC -  "Sergio sta facendo un percorso. Ha ancora margini di miglioramento. È stato bravo anche Luis Alberto che sta facendo cose importanti. Nella prima frazione ha ribaltato l'azione tantissime volte. In allenamento avevo la sensazione della crescita, in partita dal punto di vista tattico. Dal punto di vista tecnico eravamo più alterni, oggi le abbiamo combinate entrambe".

ZACCAGNI - "Si è inserito velocemente al di là dei primi acciacchi. Ha qualità importanti e ancora deve esprimere qualcosa. Se mettesse dentro qualche gol in più avrebbe una considerazione diversa. Con un attacco all’area diverso tutti riconoscerebbero il suo talento".

LA LAZIO DI SARRI - "È una squadra che mi ha fatto riscoprire sensazioni forti che non avevo dal primo Napoli. È una squadra che mi dà gusto durante la settimana. Mi dispiace che si torni a giocare ogni tre giorni. Pranzo di squadra più spesso? Non c’è problema, la prossima sarà una grigliata". 

CABRAL - "Ha fatto due allenamenti e li ha fatti da esterno. Poi lo proveremo in altre situaizoni per farci un’idea più precisa. Senza Ciro abbiamo fatto 6 punti e 6 gol in due partite. Senza Immobile è un’altra cosa ma abbiamo i mezzi per arrangiarci".

Sarri a Lazio Style Channel: "Non solo è la prima volta che vinco a Firenze, ma qui ci ho lasciato anche uno scudetto. La nostra squadra è in crescita da diverso tempo, poi gli addetti ai lavori lo riconoscono solo se arrivano i risultati. Erano due settimane che ci allenavamo ad alto livello, potevamo chiudere la gara già nel primo tempo e abbiamo creato molto. Siamo più sciolti. Lazzari? Ha lanciato dei messaggi che non potevo ignorare, si è allenato con grande applicazione e non potevo non raccogliere questi messaggi. Loro attaccavano spesso lo spazio alle spalle del nostro difensore esterno, quindi i nostri centrali dovevano uscire all’esterno. Ecco perché ci serviva un vertice basso come Leiva per coprire meglio. Mi è piaciuto anche chi stava in panchina ed è entrato bene. Stasera abbiamo espresso qualità, tatticamente siamo stati bravi. Ora ci sono tutte partite complicate, faremo tutte trasferte belle toste, ora ne abbiamo un’altra in una competizione che come formula è discutibile. Io sono innamorato della Coppa di Inghilterra, di un fascino unico. La Coppa Italia non so come fanno il sorteggio per le teste di serie".

Pubblicato il 5/02/2022