Calcio, l'Aarhus nel futuro: in Danimarca primo match con pubblico virtuale

28.05.2020 18:07 di Daniele Rocca Twitter:    Vedi letture
© foto di Daniele Buffa/Image Sport
Calcio, l'Aarhus nel futuro: in Danimarca primo match con pubblico virtuale

Ci sono tanti buoni motivi per vedere la partita dell'Agf Aarhus. E' così che il club danese ha voluto incitare i propri fan per seguire il match in programma domani contro i Randers Fc, il primo dopo la lunga pausa dovuta al coronavirus. Una sfida valida per il massimo campionato nazionale che farà comunque storia al di là dei tre punti in palio. Si terrà a porte chiuse a causa del Covid-19 ma la società fondata nel 1880, come annunciato all'inizio del mese, ha studiato un modo altamente innovativo per coinvolgere i suoi supporter creando il primo stadio virtuale al mondo per tifosi digitali. Al Ceres Park, l'impianto del club da 20 mila posti, sono stati allestiti maxi schermi, uno di questi lungo 40 metri e lungo tre, e i fans potranno 'sedersi' in maniera virtuale per seguire il match attraverso la piattaforma Zoom. In attesa di tornare alla normalità e rivedere i tifosi effettivamente allo stadio e non collegati da casa tramite uno schermo, il club si è ingegnato dividendo l'impianto in 22 sezioni dove lo 'spettatore' può scegliere il suo posto come se fosse in un normale stadio. Ci saranno i settori per i tifosi ospiti e quelli neutrali.Negli scorsi giorni i tifosi hanno potuto ornare spalti e tribune con maglie, sciarpe, bandiere e disegni per la propria squadra e realizzare figure di cartone che si potevano scaricare gratuitamente nell'AGF Fanshop e poi decorare a scelta. Sulle poltroncine del Ceres Stadium ci saranno fotografie di tifosi incollati a manichini cartonati. Il club ha anche pensato ai fedelissimi: per chi era abbonato prima della pandemia, è stato loro riservato lo stesso posto. In questo modo potrà condividere la partita con i compagni di stadio abituali. Nulla dunque è stato lasciato al caso. Entrambe le squadre competono nella parte alta della Superligaen, quindi ci sono importanti punti in palio (l'Agf è attualmente terza a dieci punti dalla seconda mentre i Randers figurano al settimo posto). Si conteranno circa diecimila persone che assisteranno al match potendo così sostenere la propria squadra 'dal vivo' nonostante il divieto e le porte chiuse: i microfoni infatti resteranno aperti e i calciatori potranno così essere sostenuti per tutta la durata dell'incontro. Intorno all'impianto anche un drive-in. Non solo. L'Agf ha anche installato altri due schermi "per i tifosi neutrali e quelli ospiti". Allo stesso modo i giocatori potranno vedere e sentire il sostegno dei loro tifosi dal divano direttamente allo stadio, ad una distanza di sicurezza. "Sarà la prima gara di campionato dopo tanto tempo e la celebreremo con una iniziativa digitale e siamo orgogliosi di essere il primo club al mondo ad utilizzarla", ha annunciato il club. Pronto ad entrare nella storia nel calcio al tempo del coronavirus. "È fondamentale riavere la folla. Quindi diamo loro il benvenuto. Dopotutto, non siamo nulla senza spettatori, quindi è una questione di tempo", ha dichiarato il Ceo dell'Agf, Jacob Nielsen.