Lazio - Auronzo di Cadore, fine di un lungo amore? Tutti i dettagli

La nuova amministrazione comunale avrebbe fatto salare il tavolo delle trattative. Il 2023 potrebbe essere l'ultima estate sotto le Tre Cime...
26.11.2022 07:20 di Lalaziosiamonoi Redazione   vedi letture
Lazio - Auronzo di Cadore, fine di un lungo amore? Tutti i dettagli

RASSEGNA STAMPA - Potrebbe essere ai titoli di coda l'avventura della Lazio ad Auronzo di Cadore, da quindici anni sede del ritiro del club bianocceleste. La trattativa per il rinnovo si sarebbe arenata e il 2023 rischia di essere l'ultima volta per le aquile sotto le Tre Cime di Lavaredo. Secondo l'edizione odierna de Il Corriere delle Alpi, il tavolo delle trattative sarebbe saltato e la società capitolina si sta guardando intorno alla ricerca di una nuova sistemazione. La nuova amministrazione cadorina, appena insediata in estate, aveva mostrato le prime titubanze sul rinnovo ma non sono note le cause che hanno portato la Media Sport Event, società rappresentata da Gianni Lacché che organizza il ritiro biancoceleste, a non proseguire il dialogo. Come sottolinea il quotidiano da capire il parere della comunità auronzana di fronte ai "numeri" offerti annualmente dalla Lazio nei giorni di permanenza all'ombra delle Tre Cime di Lavaredo.

La presenza di calciatori e staff della Lazio ad Auronzo nel mese di luglio convoglia sul posto circa 14mila tifosi con una media giornaliera di 875 persone, ognuna delle quali con capacità di spesa pari a 195 euro. Solo per il pernottamento nelle strutture ricettive di Auronzo, i tifosi della Lazio spendono una cifra giornaliera che oscilla tra gli 80 e i 110 euro. Calcolatrice alla mano, dunque, la Lazio traduce sul territorio, nei sedici giorni di ritiro, una cifra pari a 2 milioni 730mila euro che, moltiplicata per quindici (tanti quanti sono gli anni di ritiro fin qui effettuati dai biancocelesti ad Auronzo) rende una cifra monstre, di poco inferiore ai 41 milioni di euro. Detto della spesa sostenuta dai tifosi laziali per il pernottamento, vanno aggiunte ulteriori spese quotidiane: 40/60 euro per pranzo e cena, 5/10 euro per bar e tabacchi, 20/40 euro per acquisti di vario genere nei negozi del paese.

Nel triennio 2018-2021 la Lazio ha contribuito in maniera consistente ad aumentare le presenze turistiche ad Auronzo nel mese di luglio con una media superiore alle 74mila unità, con riflessi anche sul mese "clou" di agosto. Il tutto a fronte di una spesa, a carico del Comune di Auronzo, pari a circa 300mila euro annuali con possibilità di essere "ammortizzata" grazie a specifiche attività di co-marketing. Spesa che, di fronte ai numeri citati, diventa di fatto un super investimento, senza nemmeno considerare i benefici in termini di visibilità che la stessa Lazio offre al territorio, non solo auronzano. Tra l'altro, come spiega ancora il giornale, uno dei possibili motivi di frizione tra le parti non è (più) l'hotel Auronzo, elemento imprescindibile del contratto essendo l'unica struttura in grado di accogliere l'entourage biancoceleste con i servizi del caso. Il curatore fallimentare ha infatti accordato alla società Tredici Maggio il rinnovo della gestione per la prossima estate, scongiurandone così la chiusura.

Pubblicato il 25/11 alle 08.30