Caso scommesse, accordo tra Tonali e la Figc: ecco quanto starà fuori

26.10.2023 10:15 di Niccolò Di Leo Twitter:    vedi letture
Caso scommesse, accordo tra Tonali e la Figc: ecco quanto starà fuori
TUTTOmercatoWEB.com
© foto di www.imagephotoagency.it

Quella di ieri contro il Borussia Dortmund dovrebbe essere l'ultima partita di Sandro Tonali con la maglia del Newcastle United in questa stagione. Secondo quanto riporta Il Corriere della Sera, il centrocampista italiano italiano e i suoi legali avrebbero trovato nella giornata di ieri l'accordo con la procura della Figc sul patteggiamento per il caso scommesse. L'ufficialità sarebbe attesa a breve, mancherebbero infatti solo alcuni passaggi burocratici, per poi arrivare alla definizione con le firme.

QUANTO STARA' FUORI TONALI - L'accusa nei confronti di Tonali non sarebbe solo quella di aver scommesso in maniera illecita su eventi calcistici, ma in particolar modo su partite delle sue due ex squadre: il Milan e il Brescia. La sanzione a cui dovrebbe andare incontro sarebbe di 18 mesi (un anno e mezzo), divisi tra 10 di squalifica, nei quali non potrà scendere in campo con la maglia dei Magpies, e 8 che andranno scontati con delle pene accessorie  tra cui una possibile campagna di sensibilizzazione sociale. All'inibizione sarà aggiunta una multa di 20.000€.

SCONTRO TRA NEWCASTLE E MILANIl rientro in campo di Tonali è previsto, dunque, per l'inizio della prossima stagione. Il patteggiamento e il contributo alle indagini offerto dal calciatore si sono rivelati fondamentali per ridurre una pena che, altrimenti, lo avrebbe visto lontano dai campi da gioco per tre anni, come previsto dal Codice di Giustizia Sportivo. Prosegue, invece, la battaglia tra il Newcastle e il Milan. Il club inglese, che non appena scatterà la squalifica interromperà il pagamento dello stipendio del giocatore, accusa i precedenti detentori del cartellino di essere a conoscenza delle abitudini illecite del calciatore. Per questo motivo, nonostante le evidenti difficoltà nel dimostrare il fatto, i Magpies sarebbero pronti a muovere una causa milionaria nei confronti della società rossonera.