Caso tamponi, le motivazioni del Collegio di Garanzia sui ricorsi di Pulcini, Rodia e Lotito

30.09.2021 07:25 di Jessica Reatini Twitter:    vedi letture
© foto di Daniele Buffa/Image Sport
Caso tamponi, le motivazioni del Collegio di Garanzia sui ricorsi di Pulcini, Rodia e Lotito

Il Collegio di Garanzia del Coni ha reso note le motivazioni in merito alle decisioni relative ai ricorsi dei medici della Lazio PulciniRodia e al ricorso del Presidente Lotito e della società nell'ambito dell'inchiesta legata ai tamponi. Riassunendo le pagine della sentenza si capisce che la responsabilità accertata degli imputati è molto meno grave della richiesta. Rivalutata la posizione del presidente e dei medici, perché secondo il Collegio, non spettava ai medici o al presidente ma alle Asl coinvolte. Si legge nelle motivazioni che in data 29 ottobre 2020 il dottor Pulcini “dava seguito ai colloqui telefonici intercorsi con il Sisp territorialmente competente”. Un'interpretazione che era stata esclusa nei precedenti due gradi e che invece torna d'attualità, alleggerendo la posizione biancoceleste. Ricordando che proprio il Collegio di Garanzia ha inviato il procedimento di nuovo alla Corte Federale d'Appello che dovrà riformulare sanzioni e motivazioni di seguito i comunicati pubblicati sul sito ufficiale.

Pubblicato il 29/09

QUI PER LEGGERE LE MOTIVAZIONI (RODIA, PULCINI,L SS LAZIO)

QUI PER LEGGERE LE MOTIVAZIONI (LOTITO, SS LAZIO)