Lazio - Luis Alberto: sfida di nervi, ma il giocatore...

Luis Alberto non è partito con i compagni alla volta del ritiro di Auronzo di Cadore e dovrà spiegare alla società i motivi della sua assenza...
12.07.2021 06:55 di Antoniomaria Pietoso Twitter:    vedi letture
Fonte: Antoniomaria Pietoso - Lalaziosiamonoi.it
© foto di Insidefoto/Image Sport
Lazio - Luis Alberto: sfida di nervi, ma il giocatore...

Continua il braccio di ferro a distanza tra la Lazio e Luis Alberto. Lo spagnolo non si è presentato alle visite mediche e non è partito con i compagni alla volta di Auronzo di Cadore. Un atteggiamento che non è piaciuto a nessuno: dalla società, all'allenatore fino ai giocatori. I tifosi sono imbufaliti e sui social fanno sentire il loro disappunto. Proprio i social che hanno raccontato i due mesi di vacanze dell'andaluso. La Lazio lo considera un punto fermo, ma è chiaro che un atteggiamento del genere non può essere tollerato. Per lui è pronta una multa salata, anche se il numero dieci dovrà spiegare il motivo della sua assenza. Il calciatore avrebbe fatto sapere alla società di trovarsi a Valencia per alcune terapie per un problema fisico, probabilmente alla caviglia che gli ha dato fastidio negli ultimi mesi. Ipotesi che non convince i biancocelesti che controlleranno la documentazione appena l'ex Liverpool si paleserà. Terapie o meno, il non presentarsi resta un'azione troppo grave su cui la Lazio non può soprassedere. Non gli saranno fatti sconti. Novità potrebbero esserci a breve, il calciatore potrebbe anche rientrare nel giro di pochi giorni (alcune fonti vicine a lui fanno sapere questo), poi dovrà confrontarsi dal vivo con dirigenza, allenatore e compagni. Nel frattempo sono arrivate le prime offerte, nemmeno prese in considerazione viste le cifre messe sul tavolo da Siviglia e Milan. La Lazio lo considera ancora al centro del progetto, ma attenzione a tirare troppo la corda che alla fine si rischia di spezzarla. 

© RIPRODUZIONE RISERVATA - La riproduzione, anche parziale, dell’articolo è vietata. I trasgressori saranno perseguibili a norma di legge.

Pubblicato l'11/07