Social Football Summit, Mancini: "Italia paese di polemici. Sorteggi? Non mi preoccupano" - F&V

É appena iniziato il Social Football Summit, appuntamento dedicato a digitale social media marketing ed all'innovazione nella Football Industry.
21.11.2019 06:55 di Lalaziosiamonoi Redazione   Vedi letture
Fonte: Dai nostri inviati Alessandro Vittori, Carlo Roscito e Leonardo Giovannetti - Lalaziosiamonoi.it
Social Football Summit, Mancini: "Italia paese di polemici. Sorteggi? Non mi preoccupano" - F&V

AGGIORNAMENTO ORE 15:30 - Come previsto, anche il ct Roberto Mancini è arrivato al Social Football Summit. L'ex Lazio ha rilasciato anche qualche dichiarazione: "Contentissimi di esserci qualificati. I complimenti fanno piacere per i ragazzi, quando abbiamo iniziato c’era un po’ di scoramento. Sono stati bravi a rialzarsi subito. Sono molto felice del fatto che i tifosi italiani si siano avvicinati nuovamente alla Nazionale. Social? Io non sono molto social, mi aiutano i giocatori perché sono più giovani di me. Ormai ci dobbiamo abituare a questo strumento. Non metterei la mia vita privata tutti i giorni sui internet, credo sia sbagliato. Con i ragazzi non ho parlato di questo. Loro li usano, spero non ci stiano fino a tarda notte, soprattutto quando ci sono le partite! I social possono tornare utili, anche per chiarire alcune situazioni. Prima non si aveva questa opportunità". Poi su Mihajlovic ha aggiunto: "Contentissimo che sia tornato a casa. Sta procedendo bene il suo percorso, ma ci vorrà del tempo. Vederlo tornare dopo tanto tempo in ospedale è una cosa bella anche per tutti noi".

Mancini ha continuato il suo discorso: "Le mie aspettative un anno fa? Quando ho iniziato è stato difficile, come già detto. Per gli sportivi italiani e per tutti noi non partecipare al Mondiale è stata una cosa triste. Dovevamo capire cosa poter fare, dove iniziare. La cosa giusta era cercare di rinnovare, dar fiducia a calciatori giovani che non avevano tante presenze nel campionato. Ci é voluto coraggio. Abbiamo selezionato i migliori dal punto di vista tecnico per fare il nostro calcio. I ragazzi si sono trovati subito bene. Con l’aiuto dei giocatori più esperti ed importanti abbiamo creato un buon gruppo. Critiche? L’Italia è un paese di polemici, soprattutto nel calcio. Tutti volevano il Var, ora tutti lo condannano. Ci piace essere così, siamo unici al mondo. Abbiamo vinto tutte le partite, non era mai successo e non è casuale. Per le poche volte che ci vediamo facciamo un bel gioco".

Poi la chiosa finale: "Abbiamo lottato per vincere il gruppo, ciò nonostante rischiamo di prendere Francia o Portogallo in ogni caso. Ci sono squadre forti o meno forti, ma all’Europeo non esistono semplici. Non mi preoccupa il sorteggio, anche se dovessimo incontrare la Francia poco importa. Giochiamo qui all’Olimpico, questo è importante. Posso convocarne 23, sarà un dispiacere lasciare fuori qualcuno. Meriterebbero in 34 questo europeo".

AGGIORNAMENTO ORE 10:20 - Vincenzo Spadafora è intervenuto ai microfoni dei cronisti presenti per parlare anche delle dimissioni di Micciché da presidente della Lega Serie A: "Sono preoccupato. Sicuramente, a prescindere dal merito che non mi è dato conoscere e su cui so che la Federazione sta svolgendo tutte le sue analisi, non è un bel segnale per il mondo del calcio. Seguirò con molta attenzione, spero si faccia chiarezza. Questo mondo non ha bisogno di essere offuscato da ombre di qualunque tipo. Vedremo se ci sono responsabilità e di chi, ma ripeto che il calcio dovrebbe essere sempre più associato all'idea di trasparenza, pulizia e onestà da ogni punto di vista. Qualunque cosa offuschi quest'idea di sport va risolta nel più breve tempo possibile".

CLICCA QUI PER SENTIRE LE PAROLE DI SPADAFORA

É appena iniziato il Social Football Summit, appuntamento internazionale dedicato a digital e social media marketing, alla brand strategy e all’innovazione nella Football Industry. L’evento, organizzato da Social Media Soccer, è dedicato a tutti gli stakeholders del mondo calcio, e si sviluppa intorno a tre linee guida: condivisione di conoscenza, formazione, innovazione e business. Alla presentazione dell’evento Luigi De Siervo, amministratore delegato della Serie A, l’Assessore allo Sport Daniele Frongia ed, infine, Vincenzo Spadafora, Ministro dello Sport e delle Politiche Giovanili. Nel corso dell’evento, che terminerà domani pomeriggio, è prevista la presenza del ct dell’Italia Roberto Mancini.

Lazio, Casiraghi: “A fine campionato vedo i biancocelesti terzi. Su Immobile…”

Casi da moviola ed errori arbitrali: la spiegazione sarà online

TORNA ALLA HOMEPAGE

Pubblicato il 20-11 alle 16.20

Pubblicato alle 9:45