Lazio, Cataldi: "Complicato rimpiazzare Leiva. E su Lazzari..."

24.07.2019 07:05 di Federico Marchetti Twitter:    Vedi letture
Fonte: Lalaziosiamonoi.it
© foto di Federico Gaetano
Lazio, Cataldi: "Complicato rimpiazzare Leiva. E su Lazzari..."

Al termine dell'allenamento odierno ad Auronzo è intervenuto ai microfoni di Lazio Style Channel Danilo Cataldi, che ha commentato: "Parecchio caldo, abbiamo lavorato intensamente e anche se qui si sta bene si fa sentire. Sostituire Leiva è un po' complicato per caratteristiche e peso che ha nella squadra, si porta dietro un nome importante. Cerco di dare il meglio, quel ruolo è più difficile ma cerco di svolgerlo al meglio facendomi dare il pallone più possibile, magari anche sbagliando ma proponendomi per aiutare il gioco della squadra. Abbiamo una squadra molto competitiva soprattutto nella zona di centrocampo, ci sono giocatori di grande qualità. Cerchiamo di avere il pallino del gioco avendo giocatori importanti, magari dobbiamo cercare di non forzare la giocata, cosa che a volte succede a causa della dobbiamo cercare di trovare il momento giusto per fare la giocata definitiva e portare un avanti il pallone dove ci sono giocatori determinanti nella finalizzazione. Negli ultimi anni si fanno più schemi da calcio piazzato, le palle inattive possono cambiare le partite sia in positivo che in negativo. Dobbiamo sempre sfruttarle al meglio, avere la fisicità e dei giocatori che possano spezzare la partita è importante. La rosa è lunga, più siamo meglio è perché abbiamo tre competizioni e dobbiamo arrivare più avanti possibile. Sarà un'annata divertente".

NUOVI ARRIVATI - "I tifosi? Fa sempre piacere il contatto con la gente, quando spenderò gli scarpini al chiodo mancherà. A volte magari siamo stanchi, ma quando si ha l'opportunità è bello condividere questo momento con i tifosi. Con chi sto in stanza? Mi hanno affidato Lazzari, un bravissimo ragazzo, lavoratore, professionista. Sono contento che sia arrivato dopo tutto quello che si è letto negli ultimi mesi, penso che ci sarà una grossa mano. I nuovi? Ci stiamo conoscendo, sono tutti bravi ragazzi che si impegnano e danno il massimo. Ci possono tutti dare una mano, ho provato a romanizzare un po' tutti, piano piano ci riuscirò".

INCUBO VENEZIA - "La mia famiglia? Mio figlio ha solo due mesi ma abbiamo cercato in tutti u modi di portarlo qui. Alla mia famiglia piace Auronzo, rispetto a Roma è un po' più fresco (ride, ndr). Sono contento di aver visto mio figlio anche qui, quando è così piccolo cresce ogni giorno. Giorno libero? Mai più Venezia, sto tanto bene a casa a Roma... mai più, non aggiungo altro. Sono andato quattro volte, ogni volta dicevo che non sarei più andato, stavolta è vero. Io sto tanto bene a Roma, preferisco il traffico! Poi è una città criticabile, ma preferisco 40 gradi lì. Facevano 60 gradi, era il mio giorno di riposo, non mi sono riposato! Venezia bellissima città, ma non riesco a trovarmi".

LAZIO, LA CONFERENZA DI LULIC

TORNA ALLA HOMEPAGE

Pubblicato il giorno 23/7/19 alle ore 19:30