Lazio - Sassuolo, Leiva: "Niente scuse e alibi, possiamo uscirne tutti uniti"

Il calciatore della Lazio ha espresso il suo parere riguardo la sconfitta appena maturata col Sassuolo in casa che allontana definitivamente lo scudetto
12.07.2020 07:28 di Lalaziosiamonoi Redazione   Vedi letture
Fonte: Tommaso Marsili
Lazio - Sassuolo, Leiva: "Niente scuse e alibi, possiamo uscirne tutti uniti"

Per l'ennesima volta la Lazio si assenta dal campo e il Sassuolo ne approfitta vincendo in rimonta al 92'. I biancocelesti sprecano e non riescono a contrastare il gioco dei neroverdi. Ai microfoni della radio ufficiale biancoceleste, Leiva ha commentato la gara: "Certamente adesso non dobbiamo trovare scuse e alibi. Il momento non è facile, abbiamo perso tre partite di fila e le cose non stanno andando come immaginavamo. Ora bisogna parlare poco e trovare una soluzione. Come? Cose semplici e tutti uniti, senza scaricare le colpe. Siamo una squadra e ora dobbiamo cercare di finire nel migliore dei modi. No, non ci siamo sentiti sottopressione anche se una squadra come la Lazio è abituata a vincere".

PROSSIMI INCONTRI - "Con la forza del gruppo possiamo uscirne. C'è ancora da fare per raggiungere la Champions e non dobbiamo pensare troppo avanti. Con lo staff parleremo e lavoreremo sui prossimi incontri, non pensare troppo in là".

LA PARTITA -  "Sapevamo che il Sassuolo fosse tornato molto bene dal lockdown. Noi abbiamo avuto le nostre occasioni, ma abbiamo segnato poco. Poi siamo calati ed è mancata la concentrazione. Stiamo uniti e facciamo le cose semplici. Abbiamo già dimostrato di poter uscire dai momenti difficili". 

Leiva è intervenuto anche ai microfoni di Sky: "Dobbiamo restare uniti, ora non ci sono scuse. Abbiamo dimostrato di essere una grande squadra prima della sosta. Penso che in un momento così dobbiamo fare le cose semplici, trovare il modo di vincere e finire al meglio la stagione. Scudetto? Fino a che la matematica non ci condanna dobbiamo pensarci. Se pensiamo però troppo al futuro facciamo male le cose adesso. Ora bisogna pensare al domani, recuperare e affrontare bene la prossima gara. Sono sicuro che usciremo da questo momento difficile. Abbiamo finito bene prima del lockdown, sapevamo comunque che la Juventus fosse la favorita. Ora occorre fare le cose semplici e restare uniti. Non penso ci sia stato un calo di energie, non abbiamo giocato come facevamo prima. Quando non giochi bene perdi, è tutto lì. Bisogna trovare il modo di vincere".