Crespo: "Alla Lazio noi come 'I Beatles', ho conosciuto Roma di notte"

In un'intervista a Sky Sport, Hernan Crespo è tornato a parlare del suo passato, con un occhio al futuro: "Vorrei allenare le squadre in cui ho giocato"
09.04.2020 07:15 di Elena Bravetti Twitter:    Vedi letture
Fonte: Lalaziosiamonoi.it
© foto di Federico De Luca
Crespo: "Alla Lazio noi come 'I Beatles', ho conosciuto Roma di notte"

Hernan Crespo, attuale allenatore del Defensa y Justicia, è intervenuto ai microfoni di Sky Sport, tornando a parlare della sua carriera, e in particolare degli anni trascorsi nella Capitale“Il gol più bello con la Lazio quello di sforbiciata contro la Fiorentina. Quell’anno è stato impressionante, c’era un clima bellissimo. Era difficile uscire di casa per fare una passeggiava, sembravamo i Beatles, ho conosciuto Roma di notte. Andavo a vedere il Colosseo, Piazza Navona. È la città più bella del mondo. Il mio partner ideale: Luis Alberto, Dybala o Lautaro? Luis Alberto per un attaccante come Immobile che attacca molto bene la profondità è l’ideale. Lo stesso Dybala con Higuain. Avrei curiosità di giocare insieme a Lautaro”.

LOTTA SCUDETTO - "Non so quando si riprenderà il campionato, ma lo si farà. Era molto interessante vedere come la Juventus ha provato ha cambiare filosofia, dopo tanti anni. La migliore di Sarri sarà il prossimo anno. Faranno scelte societarie che risponderanno più al gusto di Sarri. C’è da fare un grosso applauso alla Lazio, che la metto sullo stesso livello dell’Atalanta. Con risorse inferiori, riesce ad esprimere un bel gioco a sostegno del progetto. I biancocelesti l’hanno fatto, con Simone Inzaghi”.

FUTURO - "Mi piacerebbe allenare le squadre in cui ho giocato, vorrei tornare a San Siro. Lo sogno tutti i giorni, è un posto magico. Sono arrivato all’Inter che non si vinceva e, averla lasciata con la gente felice e contenta, è stata una grande soddisfazione. L’Inter mi ha dato tanto, l’affetto è stato impressionante. In chi mi rivedo? Dico Lewandovski, attaccante elegante. Sono innamorato dell’Italia, lavoro all’estero per migliorare e tornare presto".

Coronavirus, l'analisi del bollettino quotidiano del 6 aprile

Tavecchio: "Imprescindibile finire i campionati. E poi serve una riforma..."

TORNA ALLA HOMEPAGE

Pubblicato l'8-4 alle 20.00