Genoa, Fares: "Alla Lazio non sono stato fortunato. Con Caicedo siamo molto amici"

L'esterno della Lazio, in prestito al Genoa, ha raccontato a Il Secolo XIX il suo esordio da sogno con la maglia rossoblu
16.09.2021 07:00 di Tommaso Marsili Twitter:    vedi letture
Fonte: Il Secolo XIX
© foto di Matteo Gribaudi/Image Sport
Genoa, Fares: "Alla Lazio non sono stato fortunato. Con Caicedo siamo molto amici"

Mohamed Fares ha lasciato la Lazio in questa finestra di calciomercato, seppur in prestito. L'esterno algerino ha scelto il Genoa per trovare più spazio e alla sua partita d'esordio ha realizzato una doppietta. A Il Secolo XIX l'algerino ha raccontato le emozioni vissute e non solo: "Un esordio così neanche nei sogni più belli. Non me lo ero mai neppure immaginato. Fare una doppietta, così, appena entrato. E soprattutto dare una mano alla squadra per vincere, un risultato che ci serviva tanto per risalire in classifica dopo le sconfitte delle prime due giornate".

ANIMO DA GOLEADOR - "Mah, non è che abbia mai segnato tanto. L'ultimo gol lo avevo fatto nel maggio 2019 al Milan, quando ancora giocavo nella Spal. Però quando ho iniziato a giocare facevo l'attaccante, nelle giovanili facevo l'esterno offensivo e solo dopo sono diventato quello che sono adesso. Mi piace dare una mano in avanti, ci provo sempre e stavolta mi è andata davvero bene...".

TRASFERIMENTO IN LIGURIA - "Cosa ho pensato quando ho saputo dell'interesse del Genoa? Che poteva essere l'occasione giusta per me, un club importante dove rimettermi in gioco e far vedere quello che valgo. Ho messo tutto nelle mani del mio agente e alla fine tutto è andato a buon fine".

RIMPIANTO LAZIO - "Sono arrivato senza aver fatto la preparazione, poi mi sono preso il Covid. È stato un periodo difficile, non fortunato. Un'esperienza che mi ha insegnato molto, anche a non commettere più certi errori".

 CAICEDO - "Felipe è un ragazzo di poche parole ma siamo molto amici. Ho giocato insieme a lui alla Lazio, ci ha fatto vincere tante partite con i suoi gol, segnati spesso quando entrava e negli ultimi minuti. È un grande attaccante, può farci fare il salto di qualità non appena avrà recuperato la migliore condizione".

Pubblicato il 15/09 alle 16.15