Lazio, Diaconale: "Non ci accontentiamo! Juventus? Si può battere..."

Arturo Diaconale, portavoce della Lazio, ha parlato a TMW Radio del momento della squadra di Inzaghi. E ha un messaggio per Juve e Atalanta...
26.02.2020 07:20 di Antoniomaria Pietoso Twitter:    Vedi letture
Fonte: Antoniomaria Pietoso - Lalaziosiamonoi.it
Lazio, Diaconale: "Non ci accontentiamo! Juventus? Si può battere..."

Arturo Diaconale, portavoce della Lazio, è intervenuto ai microfoni di TMW Radio durante la trasmissione Maracanà. Ecco le sue parole:

Ventesimo risultato utile consecutivo: qual è il segreto della Lazio? 
"È il frutto del lavoro della continuità, l'ossatura della squadra è insieme da quattro anni, così come lo staff tecnico. L'impegno e la fatica di tutti porta questi risultati. Potrebbe essere una sorta di lezione per gli altri. Poi c'è un altro fattore: la continuità all'interno di una squadra in cui c'è un clima di solidarietà e fratellanza veramente forte. I giocatori sono amici tra di loro, si aiutano, e sanno di poter contare sulla società".

Grandi elogi per Acerbi...
"Merita tutto, veramente. Oltre che essere un grande giocatore è una splendida persona". 

L'importanza dell'umiltà?
"Bisogna sempre combattere, avendo voglia di raggiungere costantemente risultati più grandi. La squadra non ha dato segnali contrastanti, allora andiamo sempre così. Nel gruppo ci sono ragazzi esperti e capaci, sanno che tipo di momento stanno vivendo. L'unico pericolo che escludo è che la Lazio si accontenterà, quell'ipotesi che ha avanzato Agnelli ieri. Non ci sarà questo rischio".

Cosa le fa paura della Juventus?
"Non vorrei sembrare sbruffone, in realtà della Juventus fa paura il nome, il prestigio e l'abitudine che ha di vincere. Sul piano tecnico la Lazio, come ha già dimostrato, può batterla e giocarsela. Ma serve tenere i piedi ben saldi per terra, sapendo che nessuno ci regalerà nulla in queste ultime 13 partite. Dobbiamo avere la consapevolezza che la partita più importante è quella che si gioca la domenica, poi si vedrà".

L'Atalanta ha chiesto di anticipare la partita con la Lazio da sabato 7 a venerdì 6, la Lazio ha detto di no...
"Dipende dalle due società, vediamo, mi attendo a quello che è stato attribuito al presidente Lotito. Per il momento ognuno si tiene la sua proposta: l'Atalanta vorrebbe anticipare mentre la Lazio vorrebbe rispettare il calendario. Per ciascuno sarebbe un vantaggio: è vero che siamo generosi ma siamo anche in una fase delicata della stagione. Il vantaggio della Lazio è di non avere le coppe, allora perché deve privarsi di un po' di tempo per preparare la partita? Se poi troveranno un accordo i presidenti vedremo, per il momento la situazione è questa".

Pubblicato il 25/2/20 alle ore 15:10