Signori: "Per dieci anni ho lasciato il patentino da allenatore nel cassetto, voglio ricominciare"

24.06.2021 17:30 di Jessica Reatini Twitter:    Vedi letture
Signori: "Per dieci anni ho lasciato il patentino da allenatore nel cassetto, voglio ricominciare"

Dopo dieci lunghissimi anni l'incubo di Beppe Signori è finalmente finito e ora l'ex bomber potrà tornare ad operare nel mondo del calcio. Beppe - gol ha rilasciato un'intervista ai canali ufficiali del Bologna in cui ha ripercorso questi ultimi anni durissimi parlando anche del futuro: "Più che di rivincita, sto vivendo un periodo di rinascita. E' stata una rinascita come quando venivo dalla Sampdoria per giocare nel Bologna. Dopo 10 anni sto rinascendo come persone normale, è stato sicuramente una situazione difficile. Ringrazio tutte quelle persone che hanno creduto in me e non hanno mai dubitato. Io 10 anni fa avevo detto ai miei figli che dovevano essere fieri di Beppe papà, non di Beppe Signori calciatore, e questa è stata una grande vittoria".

FUTURO -  "Per 10 anni ho dovuto lasciare nel cassetto il patentino da allenatore. Ora spero di poter ricominciare al più presto, anche se quando sei fuori da tanto tempo poi è difficile rientrare. Forse però ora la spinta per rientrare è ancora più forte. Inizia una vita nuova, il mio spirito è sempre stato combattente e ora spero di ripartire perché mi manca l'odore dell'erba".

Calciomercato Lazio, suggestione Arthur. Radio Radio: "Piace tantissimo a Sarri"

Italia - Austria, la Uefa vieta la rifinitura a Wembley: il motivo

TORNA ALLA HOMEPAGE