Calciomercato Lazio, un portiere per il futuro: ecco i nomi sul taccuino biancoceleste

La Lazio sta cominciando a ragionare sul futuro della propria porta: difficile il rinnovo di Thomas Strakosha e Reina va per i 40....
12.11.2021 07:28 di Marco Valerio Bava Twitter:    vedi letture
Fonte: MarcoValerio Bava-Lalaziosiamonoi.it
© foto di Daniele Mascolo/PhotoViews
Calciomercato Lazio, un portiere per il futuro: ecco i nomi sul taccuino biancoceleste

Un portiere per il futuro. La Lazio sta cominciando a guardarsi intorno. È inevitabile. Reina ha 39 anni, li ha compiuti ad agosto, non è eterno. Può giocare un’altra stagione, certo, ma serve qualcuno che possa cominciare a raccoglierne l’eredità. Difficile possa essere Strakosha: l’albanese è in scadenza a giugno, il rinnovo al momento è bloccato, non ci sono segnali di disgelo, la sensazione è che Thomas voglia provare una nuova esperienza professionale, magari in Premier o in Bundesliga. Sono i campionati che lo attraggono maggiormente, ci sarebbe anche un fattore sentimentale: la compagna lavora tra Amburgo e Londra. Inevitabile, quindi, pensare al domani. A gennaio non ci saranno interventi nel ruolo, a meno di clamorosi colpi di scena a oggi impronosticabili. A giugno, invece, qualcosa accadrà. Andrea Consigli sembra uscito dai radar, ha rinnovato col Sassuolo, poteva diventare un’occasione solo a zero. La Lazio ha messo nel mirino David Ospina, come Strakosha ha un contratto in scadenza tra sette mesi, il Napoli ha messo sul piatto una prima proposta di rinnovo, se non dovessero andare a buon fine le trattative tra il colombiano ed De Laurentiis, i biancocelesti vorrebbero farsi trovare pronti. Ospina è un portiere di livello, ha 33 anni, un’età normale per un numero uno, soprattutto è molto abile nel gioco con i piedi, fattore che fa la differenza nell’idea di calcio di Sarri. Quello di Ospina è un nome da tenere in grande considerazione, anche se per ora il pallino è ancora nelle mani del Napoli. 

OPZIONI - In scadenza c’è Mattia Perin. Il suo contratto con la Juve terminerà a giugno, può essere un’occasione. I bianconeri vorrebbero trattenerlo, hanno offerto un rinnovo biennale, ma è tutto nelle mani del classe ’92, sarà lui a decidere cosa fare: rinnovare o trovare una nuova sistemazione per giocare con più continuità. Ai biancocelesti, in passato, è stato accostato anche il nome di Alessio Cragno. Non sta vivendo una stagione semplice, come tutto il Cagliari. Ha 27 anni, è in piena maturazione, può tornare a essere un nome da considerare. In passato i sardi erano arrivati a chiedere 20 milioni per il ragazzo di Fiesole, ora la valutazione s’è abbassata, può essere preso con una cifra tra i 10 e i 15 milioni. Cragno è un portiere esplosivo, reattivo, ma non eccezionale con i piedi. Può essere un fattore da considerare. Bravo con i piedi è invece Sergio Rico: era stato accostato alla Lazio un paio d’anni fa, quando giocava a Siviglia. Oggi è il terzo nelle gerarchie di Pochettino a Parigi, chiuso da Donnarumma e Navas, ha 28 anni e un contratto in scadenza nel 2024, ma vuole giocare e può essere preso con 4-5 milioni di euro. La scuderia che ne cura gli interessi è la stessa di Luis Alberto, gli agenti della You First Sport sono stati visti qualche giorno fa a Formello, chissà non si sia parlato anche di Rico. In Turchia è stato fatto il nome di Uğurcan Çakır, difende i pali del Trabzonspor, è un classe 1996, su di lui ci sarebbe anche la Juve. Costa circa 15 milioni di euro. 

SOGNI E IDEE - Vecchi interessi, nomi nuovi e magari famiglie pronte a riunirsi. La Lazio tiene d’occhio pure Vanja Milinkovic-Savic, sta facendo bene nella sua prima stagione da titolare in Serie A, l’ostacolo di un’eventuale trattativa sarebbe rappresentato dai rapporti tra Lazio e Torino. Nulli, per usare un eufemismo. Ai biancocelesti era stato avvicinato anche Dragowski, la Fiorentina lo valuta 15 milioni, è in scadenza nel 2023. Due nomi che stuzzicano sono quelli di Yann Sommer e Lukas Hradecky: come Dragowski hanno il contratto in scadenza nel 2023, sono portieri di valore, affidabili. Il primo è colonna di Borussia Moenchengladbach e Svizzera, l’altro è il titolare del Bayer Leverkusen e della nazionale finlandese. Sarri ha stima di Kepa: il basco è ormai la riserva di Mendy, al Chelsea gioca poco e niente, vuole una nuova avventura, ma ha un ingaggio fuori portata, guadagna oltre 4 milioni a stagione, dovrebbe ridurre le proprie pretese e il Chelsea dovrebbe aprire al prestito con diritto di riscatto (non superiore ai 20 milioni). Scenario quantomeno complesso. Lotito ha un rapporto forte con Micai, oggi gioca in prestito alla Reggina, sta facendo bene, ma sarebbe una soluzione low cost e solo come secondo portiere. Sono diversi i nomi in lista. La Lazio studia il proprio futuro tra i pali. 

Pubblicato 11/11