Viviano: "Lazio favorita, con il Galatasaray il pubblico la maggior insidia. E su Sarri..."

30.08.2021 10:30 di Elena Bravetti Twitter:    vedi letture
Fonte: Elena Bravetti - Lalaziosiamonoi.it
Viviano: "Lazio favorita, con il Galatasaray il pubblico la maggior insidia. E su Sarri..."

L'urna di Istanbul ha composto i gironi delle trentadue squadre qualificate in Europa League. La Lazio, inserita tra le teste di serie, affronterà rispettivamente Lokotiv Mosca, Marsiglia e Galatasaray. Proprio contro la squadra turca arriverà l'esordio stagionale nella competizione europea dei biancocelesti, che scenderanno sul campo del Türk Telekom il prossimo 16 settembre. In attesa del debutto dei biancocelesti, Emiliano Viviano ha parlato del gruppo di Fatih Terim e delle maggiori insidie per la Lazio. L'ex portiere della Sampdoria, infatti, fa attualmente parte della rosa del Fatih Karagümrük, avversario del Galatasaray in Süper Lig. Intervenuto ai nostri microfoni, ha spiegato il suo punto di vista: "Quest'anno non li ho ancora affrontati anche se non hanno cambiato moltissimo rispetto all'anno scorso. L'insidia maggiore sarà il pubblico, l'ambiente è molto caldo. La squadra ha qualche giocatore interessante, vivono molto di momenti, di fiammate durante la partita, più che di un gioco chiaro. Credo che la Lazio sia comunque molto più forte del Galatasaray".

IL PUBBLICO UNO STIMOLO IN PIÙ - Un clima rovente quello che attenderà Immobile e compagni, ma anche motivazioni in più per iniziare col piede giusto l'avventura in Europa League. Viviano ha proseguito il discorso: "Se l'ambiente può essere uno stimolo in più? È sicuramente bellissimo. Io sabato ho avuto una gara a Besiktas, c'erano 30 mila persone. Mi mancava, era da tanto tempo che non giocavo una partita con un numero così alto di spettatori. Ma questo per loro è sicuramente uno stimolo, soprattutto se si tratta di notti europee. La Lazio dovrà esser brava a gestire i momenti. Fa e farà del gioco il suo forte perché conosco bene l'allenatore, ed è un tecnico che fa giocare bene. Ha iniziato con nove gol in due partite. E poi è una squadra piena di talento: Immobile è incredibile!".

SFIDA TRA TECNICI - Le due compagini sono guidate da tecnici diversi e con carriere altrettanto differenti. Se Sarri ha appena iniziato un nuovo percorso nella Capitale dopo un anno di stop, Fatih Terim è considerato una vera bandiera del Galatasaray dopo averci giocato per undici anni ed averlo allenato a più riprese nell'arco della sua carriera. Il portiere classe '85, che ha raccontato di conoscere personalmente il neo-tecnico della Lazio, ha raccontato: "Sono sicuramente diversi. Sarri non l'ho mai avuto ma ci conosciamo personalmente. Lui è maniacale, è un allenatore che non è mai contento, che vuole sempre che la squadra sia corta, che giochi in quaranta metri, non vuole mai lasciare la palla all'avversario, non vuole mai che i propri giocatori si abbassino. Mentre il Galatasaray gioca più aperto, molto spesso costruiscono con i due centrali, i terzini alti. Vive più su transizioni, recupero palla, sulla fase offensiva fatta di rischio. La Lazio ci arriva molto di più col palleggio, col gioco, con giocate più codificate".

TEMPO DI PRONOSTICI - Lazio e Galatasary, senza dimenticare tuttavia le altre due squadre che lotteranno per ottenere il pass per gli ottavi di finale: Marsiglia e Lokomotiv Mosca. Viviano, chiamato a dire la sua sulle favorite del girone, si è espresso in questo modo: "Il Marsiglia non lo sottovaluterei. Ha un ottimo allenatore e dei buoni giocatori. Bisognerà vedere chi riuscirà a gestire meglio il tutto, con campionato e coppe. Credo che la Lazio sia favorita, questo sicuramente".

EQUILIBRIO IN SERIE A - Infine, un commento sulle prime giornate di Serie A e sul campionato che va delineandosi: "Credo che sia difficilissimo fare dei pronostici per un campionato che è uno dei più equilibrati degli ultimi dieci anni. Per lo scudetto vedo un po' più avanti l'Inter. Ha mantenuto tanto, ha preso un allenatore che gioca con le stesso modulo del tecnico precedente. Ha tantissimi giocatori. Per quanto riguarda la Champions ci sono Inter e Juventus, Milan che non è da sottovalutare, le due romane con dei tecnici nuovi e secondo me due ottime squadre. L'Atalanta che ogni anno sembra che parta un po' dietro, ma poi arriva sempre lei. Senza dimenticare il Napoli. È veramente dura".

© RIPRODUZIONE RISERVATA - La riproduzione, anche parziale, dell’articolo è vietata. I trasgressori saranno perseguibili a norma di legge